Ruth Jebet (foto Getty Images)
Ruth Jebet (foto Getty Images)
FASTWEB

Ruth Jebet, campionessa olimpica sui 3000 metri, ha ricevuto una squalifica di quattro anni dopo essere risultata positiva all’EPO artificiale.

L’atleta 23enne del Bahrein è stata sospesa a febbraio 2018 dopo essere risultata positiva ad un test fuori competizione.

Jebet ha dichiarato all’AIU, nel marzo 2018, che non l’aveva presa intenzionalmente, ma la condanna è stata inevitabile e decorrerà dalla data di sospensione iniziale.

Jebet, che è stata anche detentrice del record mondiale di 3000 siepi, poi superata due anni fa dalla keniana Beatrice Chepkoech, si è rivelata positiva per il booster di sangue vietato r-EPO (eritropoietina ricombinante) il 1 ° dicembre 2017.

L’eritropoietina ricombinante è una versione artificiale dell’eritropoietina naturale e migliora le prestazioni atletiche stimolando la produzione di più globuli rossi.

L’AIU ha ordinato la revoca di tutti i suoi risultati tra il 1° dicembre 2017 e il 4 febbraio 2018.

Jebet, nata in Kenya, ha il diritto di presentare ricorso contro la sospensione, ma molto difficilmente sarà in grado di difendere il suo titolo olimpico, a Tokyo, questa estate.

Fastweb Fibra