Toirotich e Langat vincono nella maratona di Ravenna

I principali risultati delle gare su strada disputate ieri in Italia

FASTWEB

Delle tre 42,195 km disputate ieri in Italia, la Hoka Maratona di Ravenna Città d’Arte era certamente la più significativa tecnicamente per la presenza di alcuni buoni specialisti keniani ed infatti le gare, sia degli uomini che delle donne, sono state dominate dagli atleti di questa nazione.

Al femminile grande vittoria di Shyline Jepkorir Toirotich che domina e chiude con un buon 2h29’17, davanti alla romena Liliana Maria Dragomir con 2h43’14 e terza Camilla Spagnol in 2h54’01.

Al maschile altrettanto netto successo di Elkanah Langat in 2h10’33 davanti a Kenneth Kemboi Rotich con 2h15’48 e Bernard Kiptoo Koech in 2h18’05.

Edizione da record per la 22esima Hoka Maratona di Ravenna Città d’Arte, con i primati della gara migliorati in tutte le due prove.

Nella Ravenna Half Marathon, altri due record del percorso abbattuti: doppietta keniana con Rodgers Maiyo in 1h03’46 sul compagno di club Edwin Kibet Kiptoo (1h04’03) e Andrea Aragno terzo in 1h10’00, e tra le donne successo di Veronicah Njeri Maina in 1h11’42 nei confronti dell’etiope Asmerawork Bekele Wolkeba (1h17’58) e di Hodan Mohamed Mohamud (1h18’59).

Maratona di Torino

In azione 1700 podisti a Torino: 1200 impegnati nella T-Fast 42k e 500 sulla mezza con la vittoria nella maratona di Andrea Soffientini con il tempo di 2h31’33, seguito da Marco Mazzon (2h33’25) e Luca Filipas (2h33’37).

Tra le donne, la più veloce è stata Claudia Marietta che ha vinto in 2h54’34 davanti a Maura Beretta (3h04’00) e Lucia Ricchi (3h04’42).

Nella mezza maratona l’azzurro della corsa in montagna Xavier Chevrier si è aggiudicato la gara in 1h07’13 per lasciarsi alle spalle Michael Zagato (1h09’17) e Roberto Boni (1h09’32), mentre al femminile Carla Primo ha vinto con la nuova migliore prestazione italiana master SF50 in 1h19’37 davanti a Gianfranca Attene (1h21’50) e Renata Vegelj  1h23’37).

Passaggio maratona Torino (foto organizzatori)
Passaggio maratona Torino (foto organizzatori)

Maratona di Napoli

Ancora atleti africani a vincere nella prima edizione della Italiana Assicurazioni Neapolis Marathon, che dopo quasi sette anni ha riportato a Napoli una gara sulla distanza dei 42,195 km. In campo maschile si è imposto il keniano Hosea Kimeli Kisorio in 2h18’38, sempre in testa sin dalle prime battute, sul ruandese Jean Baptiste Simukeka  (2h23’27) e Mohamed Hajjy (2h23’45).

Nella maratona femminile, vittoria della ruandese Clementine Mukandanga che ha dominato la prova fermando il cronometro a 2h33’43 davanti all’ucraina Yulia Tarasova (2h50’14) e Simona Magrini (3h15’58).

Anche nella mezza maratona egemonia degli atleti del continente africano: tra gli uomini primo il keniano Panuel Mkungo in 1h03’07, davanti al connazionale Paul Tiongik (1h04’38) e al marocchino Hicham Boufars (1h04’51) e, tra le donne, successo della burundese Cavaline Nahimana in 1h12’00 con la keniana Lenah Jerotich seconda in 1h13’35 e terza Filomena Palomba (1h27’07).

Mezza maratona di Crema

La gara sui 21,097 chilometri ha visto la vittoria del keniano Erick Muthomi Riungu in 1h07’55 davanti a Michele Belluschi (1h10’25) e Gianluca Ferrato (1h11’59).

Al femminile vittoria dell’etiope Addisalem Belay Tegegn in 1h13’46 davanti alla connazionale Meseret Ayele (1h16’11), mentre il terzo gradino del podio è andato a Elisabetta Manenti (1h19’32).

Nella 10 km disputata a latere della manifestazione principale vittoria di Luca Magri che, in 30’47, ha battuto l’azzurro finalista olimpico dei 3000 siepi, Ahmed Abdelwahed beffato in una volata lunga.

Fra le donne prima Fabiola Conti in 36’59.

Sport OK Junior