Molly Caudery ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno e il record personale nel salto con l’asta femminile con 4.83m nel meeting francese di Val de Reuil di World Athletics Indoor Tour Silver.

La britannica, quinta ai Mondiali di Budapest 2023, ha superato 4.73m al secondo tentativo prima di migliorare il primato personale di 8 cm, aggiungendo 1 cm alla precedente migliore prestazione mondiale dell’anno stabilita dalla statunitense Sandi Morris.

La neozelandese Eliza McCartney si è classificata al secondo posto con 4.64m. La norvegese Lene Retzius ha concluso al terzo posto con 4.54m battendo le francesi Ninon Chapelle e Margot Chevrier a pari misura grazie ad un numero minore di errori.

Il campione mondiale di Budapest 2023 Fabrice Hugues Zango ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno con 17.15m nel salto triplo maschile battendo il campione del mondo indoor Lazaro Martinez (16.81m) e l’algerino Yasser Triki (16.66m). Il finalista europeo Tobia Bocchi ha esordito con la misura di 16.03m.

Lo spagnolo Mohamed Katir (vice campione mondiale sui 5000 metri a Budapest 2023) ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sul miglio con un ottimo 3’51”91 arrivando a due decimi di secondo dal record spagnolo. Katir era partito con l’obiettivo di battere il record europeo detenuto dall’irlandese Eammon Coghlan. Il sudafricano Tshepo Tshite si è piazzato al secondo posto in 3’54”56 davanti al belga Ruben Verheyden (3’55”42). Federico Riva ha tagliato il traguardo al nono posto in in 4’09”75.

Embed from Getty Images

La campionessa italiana Eloisa Coiro ha esordito negli 800 metri femminili con un ottimo terzo posto in 2’02”48 (miglior crono italiano dell’anno). La rappresentante del Benin Noelle Yarigo ha conquistato il successo in 2’01”73 battendo la britannica Isabelle Boffey (2’01”76).

Lo spagnolo Asler Martinez ha strappato la migliore prestazione europea dell’anno dei 60 metri ostacoli dell’anno a Lorenzo Simonelli fermando il cronometro in un eccellente 7”49. Martinez, che tornava da una lunga pausa per infortunio, ha preceduto il francese Just Kwaou Mathey (7”51 in finale dopo aver corso la batteria in 7”53). L’azzurro Hassane Fofana ha corso la batteria in 7”92.

Asler Martinez: “Sono arrivato. Il mio primo obiettivo è la stagione outdoor. Sono felice di aver corso contro grandi atleti. Punto a difendere il titolo europeo a Roma e a vincere una medaglia olimpica a Parigi”.

La francese di origini italiane Sasha Alessandrini si è imposta nella batteria sui 60 metri ostacoli femminili in 8”13 davanti alla belga Anna Zagré (8”14) e alla campionessa italiana Giada Carmassi (8”15). Nell’altra batteria la finlandese Nooralotta Neziri ha corso il miglior tempo delle batterie con 8”11 nella gara dove la portacolori della Bracco Atletica Nicla Mosetti si è piazzata al quarto posto con 8”20. Nella finale Neziri ha prevalso in 8”06 davanti ad Alessandrini (8”07). Buona gara di Carmassi, che ha confermato il suo buon momento di forma piazzandosi al quinto posto in 8”14.

La vice campionessa mondiale di Budapest 2023 Sarah Mitton e l’olandese Jessica Schilder hanno superato la barriera dei 19 metri nel getto del peso femminile realizzando le misure di 19.58m e 19.32m rispettivamente. La svedese Fanny Roos si è classificata al terzo posto con 17.47m davanti alla statunitense Adelaide Aquilla (17.66m) e all’olandese Jorinde Van Klinken (17.59m).

La britannica Georgia Bell ha vinto un’ottima gara di 3000 metri femminile in 8’42”16 battendo la spagnola Marta Perez (8”48”91), la keniana Lydia Lagat (8’49”28). Bell aveva corso i 1500 metri in 4’03”54 a Dortmund settimana scorsa.

Kyumba Munguti si è aggiudicato i 3000 metri maschili in 7’44”93 davanti al marocchino Hicham Akankam (7’45”80), all’irlandese Nicholas Griggs (7’45”94 primato personale) e a Istvan Palkovics (record ungherese con 7’47”42).

La britannica Morgan Lake e il ceco Jan Sefela hanno vinto le due gare di salto in alto superando rispettivamente 1.92m e 2.23m.

Super Fernandez 6”48 ad Ancona

Il cubano d’Italia Jenns Fernandez ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno correndo i 60 metri in 6”48 in batteria prima di vincere la finale in 6”49 sulla pista di Ancona. La medaglia di bronzo europea della staffetta 4×100 di Monaco di Baviera 2022 Anna Bongiorni ha corso la batteria in 7”29 e la finale in 7”30 sui 60 metri. Simone Barontini è sceso sotto i 47 secondi sui 400 metri con 46”89.

Cochabamba (Bolivia)

Il brasiliano Felipe Bardi ha vinto il titolo sudamericano indoor sui 60 metri con 6”58.

La brasiliana Vitoria Cristina Rosa si è aggiudicata i 60 metri femminili con 7”32.

Lissandra Campos e Eliane Martins hanno realizzato la stessa misura di 6.49m nel salto in lungo femminile.

Il campione del mondo indoor Darlan Romani ha superato la barriera dei 21 metri con 21.10m nel getto del peso maschili.

Il colombiano Arnovis Dalmero ha vinto il salto in lungo maschile con 8.06m battendo l’uruguaiano Emiliano Lasa (8.00m).

Elian Larregina ha stabilito il record argentino indoor sui 400 metri maschili con 46”37.

Magglingen (Svizzera)

La due volte campionessa europea under 20 degli 800 metri Audrey Werro ha stabilito la migliore prestazione mondiale dei 600 metri con 1’26”38 a Magglingen precedendo la ticinese Valentina Rosamilia (1’26”80).

Bratislava

La campionessa mondiale universitaria Viktoria Forster ha aperto la stagione indoor sui 60 metri ostacoli con 8”05 battendo Stanislava Skvartsova (8”13) all’Elan Meeting di Bratislava.

Monika Weigertova ha migliorato il record personale sui 60 metri con 7”27.

Gli altri risultati più interessanti sono stati 1’47”95 di Collins Kipruto sugli 800 metri maschili e il 7”72 dell’ungherese Valdo Szucs sui 60 metri ostacoli.

Bucarest

Florentina Iusco ha saltato 6.74m nel salto in lungo femminile alla Romania Cup.

Sofia

Plamena Mitkova ha realizzato 6.61m nel salto in lungo femminile ai Campionati Nazionali Under 18 dove gareggiava fuori concorso come ospite.

Gand

Michael Obasuyi ha vinto i 60 metri ostacoli maschili in 7”60 ai Campionati fiamminghi di Gand. La campionessa mondiale del pentathlon indoor Noor Vidts ha testato la sua condizione correndo i 60 metri ostacoli con 8”33. L’ottocentista Tibo De Smet ha corso i 400 metri maschili in 46”59.

Mosca

Danil Lysenko ha superato la misura di 2.33m nel salto in alto prima di tentare tre prove alla quota di 2.38m al meeting “Battle of Sexes”. Ilya Ivanyuk si è classificato secondo con 2.29m. Natalya Spiridonova ha vinto la gara femminile con 1.93m battendo per un numero minore di errori la bielorussa Karyna Demidik. La campionessa olimpica Mariya Lasitskene si è piazzata al quarto posto con 1.85m

Sport OK Junior