Ryan Crouser (foto Citius Mag)
Ryan Crouser (foto Citius Mag)
FASTWEB

Il campione olimpico del getto del peso Ryan Crouser ha realizzato la strepitosa misura di 22.91m al meeting di Marietta in Georgia, inserito nel circuito American Track League Summer Series.

Il ventisettenne statunitense ha fatto registrare altre tre misure oltre la barriera dei 22 metri (22.15m, 22.24m e 22.73m).

Ai Campionati del Mondo di Doha dello scorso Ottobre l’altro statunitense Joe Kovacs si aggiudicò la medaglia d’oro proprio con 22.91m precedendo di un centimetro Crouser e il neozelandese Tom Walsh nella più grande gara di sempre.

Persino una misura come 22.53m non bastò al brasiliano Darlan Romani per salire sul podio. Crouser aveva aperto la stagione con 21.87m sempre a Marietta l’11 Luglio scorso.

Nick Ponzio si è classificato secondo con 20.15m ma in questa stagione ha fatto molto meglio superando la barriera dei 21 metri in due occasioni con due lanci da 21.08m a Scottsdale (28 Giugno) e a Marietta (11 Luglio).

Fraser Pryce e Thompson in luce a Kingston

Le stelle giamaicane dello sprint Shelly Ann Fraser Pryce ed Elaine Thompson sono scese in pista per il secondo appuntamento del Velocity test a Kingston.

La campionessa olimpica in carica dei 100 metri e dei 200 metri Elaine Thompson ha vinto il suo primo 100 metri stagionale in 11”19 con vento contrario di -0.6 m/s battendo nettamente Shashalee Forbes (11”49).

La due volte campionessa olimpica dei 100 metri Shelly Ann Fraser Pryce si è imposta sui 200 metri in 22”74 una settimana dopo aver vinto i 100 metri in 11”00 sulla stessa pista.

Julian Forte ha brillato vincendo i 100 metri in 10”03 arrivando a 12 centesimi di secondo dal record personale di 9”91 realizzato al meeting Istaf di Berlino nel 2017.

Romario Williams e Nesta Carter sono terminati lontani in seconda e terza posizione rispettivamente con 10”33 e 10”35.

Il vice campione olimpico dei 100 e dei 200 metri di Londra 2012 Yohan Blake si è imposto sui 200 metri in 20”62 battendo di quattro centesimi di secondo Rasheed Dwyer con un metro di vento contrario.

I 400 metri sono stati vinti rispettivamente da Rasheen McDonald in 46”17 tra gli uomini e da Shericka Jackson in 52”00 in campo femminile.

Il campione mondiale di salto in lungo Tejay Gayle ha vinto la seconda gara consecutiva di questa stagione con 8.13m.

Sui 400 ostacoli femminili Ronda Whyte ha battuto al photo-finish Janieve Russell con lo stesso tempo di 55”40.

Nageotte porta il mondiale stagionale del salto con l’asta a 4.83m

La finalista iridata di salto con l’asta Katie Nageotte ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno e il primato personale con 4.83m.

Megan Clarke si è classificata seconda con 4.45m. Nageotte aveva superato 4.81m pochi giorni fa a Greenville terminando al secondo posto per un numero minore di errori rispetto a Sandi Morris.

Rowbury e Klosterhalfen in evidenza nel mezzofondo

La statunitense Shannon Rowbury ha aperto la stagione outdoor correndo i 3000 metri in 8’40”26 nel meeting “Bigger Friendly” di Portland.

La giovane tedesca Konstanze Klosterhalfen (bronzo mondiale sui 5000 metri a Doha 2019) ha stabilito il primato personale sui 1000 metri con 2’37”05.

Il vice campione olimpico degli 800 metri di Londra 2012 Nijel Amos ha corso la distanza spuria dei 600 metri in 1’15”86.

Specialisti delle prove multiple in azione in Germania

La tedesca Carolin Schaefer (argento mondiale nell’eptathlon a Londra 2017) ha disputato un inedito quadrathlon a Neuwied in Germania nel quale ha concluso con 3807 punti grazie ai seguenti risultati individuali: 13”77 sui 100 ostacoli, 1.79m nel salto in alto, 50.33m nel lancio del giavellotto, 24”18 sui 200 metri. Sophie Weissenberg si è classificata al secondo posto con 3598 punti davanti ad Anna Anna Maiwald (3575 punti).

Kai Kazmirek (argento mondiale di decathlon nel 2017) ha vinto la gara maschile con 3393 punti realizzando 14”36 sui 110 ostacoli, 38.79m nel disco, 4.90m nel salto con l’asta e 34”05 sui 300 metri.

Miura migliora il record giapponese under 20 sui 3000 siepi

Ryushi Myura ha stabilito il primato giapponese e la quarta migliore performance asiatica di sempre a livello under 20 sui 3000 siepi con 8’19”37. Il keniano Philemon Kiplagat Ruto si è classificato secondo con 8’19”60.

Il keniano Titus Wambua ha vinto la gara A dei 5000 metri con 13’17”40 davanti Hyuga Endo (13’18”99, miglior tempo giapponese degli ultimi cinque anni). Yamato Yoshii ha stabilito il primato giapponese under 20 con 13’28”31.

La specialista ceca dei 400 metri Lada Vondrova ha disputato tre gare in un solo giorno a Kladno stabilendo i record personali sui 100 metri con 11”86, sui 200 metri con 23”40 e sugli 800 metri con 2’04”45.

Fastweb Fibra