Doha Khalifa Stadium
Doha Khalifa Stadium (foto Mondo)
Fastweb Casa ADSL

Cominciano oggi i Mondiali di Doha. Quanto siete preparati? Per stuzzicare l’interesse, ho pronta per voi una lista di undici comodi numeri, che riassumono, se non tutto, molte delle cose che dovreste sapere.

1971Il numero di atleti partecipanti, al netto dell’esclusione di Dilshod Nazarov, campione olimpico nel lancio del martello. 1053 uomini, e 918 donne: un piccolo passo indietro rispetto alla parità di genere. Ai Mondiali di Londra 2017, considerato il numero di iscritti (2034), il rapporto era leggermente più favorevole: 1080 a 954.

210Le nazioni che portano almeno un atleta. Di queste, 87 schierano soltanto uomini e 26 soltanto donne. Per ovvie ragioni, questi ultimi sono in minoranza. Tra gli esempi “controcorrente” troviamo l’Albania della siepista Luiza Gega e la Bolivia della marciatrice Angelica Castro.

156 Gli atleti della rappresentativa statunitense, la più agguerrita dei Mondiali. Gli USA schierano 8 campioni del mondo e 13 campioni olimpici in carica, ed hanno vinto il medagliere in tutte le edizioni dal 1991, eccetto il 2001 (successo della Russia) e il 2015 (Kenya).

100Il tetto di partecipanti fissato per le gare di maratona, le più affollate dei Campionati. La maggior parte delle discipline oscilla tra i 30 e i 50 partecipanti (nei concorsi, ad esempio, sono 32). Un po’ di più sui 100 metri, siccome la IAAF offre la possibilità di partecipare a molte nazioni minori. 16 le squadre presenti in ciascuna staffetta.

99 Il numero di nazioni che portano soltanto un atleta. Tra queste, la più popolosa sono le Filippine (100 milioni di abitanti), la più piccola le Isole Cook (appena 20 mila). San Marino si affiderà all’ostacolista Andrea Ercolani Volta.

65 Gli azzurri a Doha (con la defezione dell’ultimo momento di Giorgio Rubino). Una delle spedizioni italiane più numerose. A Londra furono appena 36. I settori più rappresentati sono la velocità (27, con tutti gli atleti delle staffette) e la marcia (9).

49 Le medaglie d’oro in palio. Rispetto a due anni fa, se ne è aggiunta una: la staffetta 4×400 mista, che abbiamo imparato a conoscere quest’anno alle World Relays di Yokohama.

49 (ancora…) Sono gli anni dell’atleta più esperto, lo spagnolo Jesus Angel Garcia. Il marciatore è alla sua tredicesima partecipazione ad un Campionato del mondo. Vanta pure un successo, nel lontano 1993, e tre argenti, l’ultimo dei quali dieci anni or sono. Che aspetti un ultimo momento di gloria, prima di decidere di ritirarsi?

48 (mila) La capienza del Khalifa International Stadium di Doha, che ospiterà l’evento. La freddezza dei qatarioti nei confronti delle manifestazioni sportive è cosa nota: lo stesso stadio ospitato gli Asian Games lo scorso aprile, in un contesto quasi deserto. Speriamo che un appuntamento così importante come un Mondiale risvegli gli interessi della popolazione, e dia un senso a tutti quei posti disponibili.

16 Gli anni della più giovane tra i partecipanti, l’australiana Ellie Beer. Nata nel gennaio del 2003, supporterà la squadra nella staffetta 4×400 femminile. Così come fece agli Oceanian Championships dello scorso giugno, vincendo l’oro.

10 I giorni di gara. Senza alcuna sostanziale differenza rispetto al 2017, quando si decise di aggiungere una giornata al calendario, che fino ad allora ne durava nove. Nonostante questo, si tratta di un programma densissimo, ricco di eventi ed emozioni. Un programma che vi invitiamo a seguire con noi, senza perdere una virgola. Buon Mondiale a tutti!