Gianmarco Tamberi (foto FIDAL Colombo)
Gianmarco Tamberi (foto FIDAL Colombo)
FASTWEB

Negli ultimi due anni, in particolare, è arrivato il suo amico Filippo Tortu ad offuscargli un po’ le luci della ribalta dell’Atletica Italiana ma, insomma, Gianmarco Tamberi rimane sempre il grande Gimbo, l’atleta capace di infiammare gli spalti, dei palazzetti o degli stadi, con la sua irresistibile carica agonistica.

Ad Ancona, per i campionati assoluti indoor del 23 e 23 febbraio, ci sarà anche lui ed è una grande notizia perché è una presenza che rende questa edizione della massima manifestazione nazionale al coperto, veramente unica. Ricordo tra gli altri già confermati Luminosa Bogliolo e Alessia Trost.

La mattina del 23 febbraio, dunque, più o meno quando Filippo Tortu dobrebbe correre la sua batteria dei 60 piani, ci sarà il debutto dell’atleta marchigiano in quella che, per lui, rappresenta veramente la stagione della vita per la presenza delle Olimpiadi e, soprattutto, per quel che accadde pochi giorni prima di quelle del 2016 a Rio.

La gara di Gimbo sarà molto presto, alle 9,15, ma il campione non è sembrato preoccupato ed anzi si è detto contento perchè sarà, più o meno, lo stesso orario delle qualificazioni ai Giochi di Tokyo.

Dopo Ancona Tamberi ha in programma di gareggiare a Belgrado il 27 febbraio, in questo caso in un più classico orario serale.

Per quanto riguarda la stagione outdoor, Gimbo dovrebbe fare il suo esordio, proprio in Giappone, nel Seiko Golden Grand Prix 2020 in calendario il 10 maggio, sulla stessa pedana e nello stesso stadio delle Olimpiadi e poi, certamente, la Diamond League di Napoli del 28 maggio.

Fastweb Fibra