Partenza 100 Metri ( Foto Fidal )
Partenza 100 Metri ( Foto Fidal )
Fastweb Casa ADSL

Filippo Tortu: voto 10

Filippo Tortu Doha (Foto Colombo Fidal)
Filippo Tortu Doha (Foto Colombo Fidal)

Che voto si può dare a un ragazzo di 21 anni che arriva settimo nella finale dei 100 metri uomini, la finale delle finali, la più ambita e difficile da raggiungere?

Era il più giovane, l’unico bianco e il secondo europeo, dopo l’inglese Hughes che, di fatto, lo è al 50 %, essendo originario dell’isola caraibica di Anguilla.

Filippo ha compiuto un’impresa straordinaria che lo ha consacrato, a tutti gli effetti, come uno dei migliori velocisti del mondo e il bianco più veloce di tutti.


Davide Re: voto 10

Davide Re Doha (Foto Colombo Fidal)
Davide Re Doha (Foto Colombo Fidal)

Un mondiale straordinario, la vera grande rivelazione dell’atletica italiana del 2019, grazie al suo primato italiano, ottenuto due volte, anche con il netto abbattimento della barriera dei 45″: 44″77.

A Doha esce dalla finale per 8″, dopo aver vinto, il giorno prima la sua batteria e corre, in ogni caso, ancora una volta sotto i 45″.

Il voto giusto sarebbe 9,5 ma per quel che ha fatto, poi, nella staffetta, merita un 10 pieno.


Marcell Jacobs: voto 9

Marcell Jacobs Doha (Foto Colombo Fidal)
Marcell Jacobs Doha (Foto Colombo Fidal)

Grandissimo mondiale anche per Marcell che, in batteria, fa 10″07, praticamente senza vento, ottenendo il quinto tempo assoluto e correndo, di fatto, la miglior gara della sua carriera.

Nella semifinale non riesce a ripetersi, sbagliando qualcosa ma, in ogni caso, lascia un’ottima impressione e la sensazione che, l’anno prossimo, potrà ancora migliorarsi e lottare, insieme a Filippo, per una finale a Tokyo.

 


Fausto Desalu : voto 7,5

Fausto Desalu Doha (Foto Colombo Fidal)
Fausto Desalu Doha (Foto Colombo Fidal)

Non riesce a ripetere la bellissima prova degli Europei di Berlino dove giunse in finale, ottenendo un grande tempo, 20″13, secondo in Italia di sempre.

Non ha convinto tantissimo in batteria, pur con 20″43,  è stato ripescato e poi, in semifinale, non è riuscito ad esprimersi al meglio per poter, quantomeno, cercare di raggiungere una finale, invero, difficilissima.

In ogni caso una semifinale, ad un mondiale, è sempre un buonissimo risultato e le premesse, per l’anno Olimpico, sono promettenti.


Gloria Hooper: Voto 7

Gloria Hooper Doha (Foto Colombo Fidal)
Gloria Hooper Doha (Foto Colombo Fidal)

La ragazza veronese, di origini ghanesi, è stata eliminata in batteria dei 200 metri con 23″33, a 17″ dal suo SB. Per qualificarsi avrebbe dovuto fare 23″09, quindi correre al massimo della sua condizione stagionale.

Ritengo la sua partecipazione più che sufficiente e le do anche un mezzo punto in più, rispetto a quel che le assegnerei, per l’ottima frazione corsa in staffetta 4×100, che tratterò a parte, in un altro articolo.

Se vuole puntare a Tokio, però, serve qualcosa di più.


Maria Benedicta Chigbolu: voto 6,5

Maria Benedicta Chigbolu Doha (Foto Colombo Fidal)
Maria Benedicta Chigbolu Doha (Foto Colombo Fidal)

La ragazza romana, che vive e si allena a Rieti, non è riuscita ad esprimersi al meglio nell’appuntamento più importante dell’anno.

Con un SB di 51″69 avrebbe potuto giocarsi la qualificazione alle semifinali che si raggiungeva a 51″84.

Ha ottenuto, invece, un 52″63 che le lascia un grande rammarico ma, nella staffetta 4×400, ha saputo ben reagire correndo una prima buona frazione, vanificata purtroppo da un cambio sfortunato tra la seconda e la terza frazionista.


Antonio Infantino: voto 6

Antonio Infantino (Foto Colombo Fidal)
Antonio Infantino (Foto Colombo Fidal)

Antonio, pur se con +1,8 di vento, aveva quest’anno stabilito il suo PB, 20″41, che gli aveva consentito, grazie ai target number, di poter partecipare ai 200 metri.

E’ stato eliminato con 20″89, crono realmente troppo alto per un campionato del mondo ma, certamente, la sua condizione non era al massimo, anche per tutte le gare fatte nella stagione, a cominciare dal mese di aprile.

Per lui un’esperienza importante e la soddisfazione di aver fatto parte, pur se da riserva, della 4×100 del nuovo R.I.