La conferenza stampa del Triveneto Meeting di Trieste

    Tamberi e Tortu grandi stelle dell'evento friulano di Continental Tour

    FASTWEB

    Grande atletica domani sera 28 maggio a Trieste, con il Triveneto Meeting Memorial Jack Benvenuti, prova challenger di Continental Tour che si terrà presso lo stadio Stadio Comunale Pino Grezar.

    Questa mattina la presentazione ufficiale dell’importante evento con la partecipazione dell’Assessore alla Cultura e allo Sport, Giorgio Rossi, degli organizzatori della Polisportiva Triveneto, e dei due attesissimi principali protagonisti, gli ori olimpici di Tokyo 2021, Gianmarco Tamberi nel salto in alto, e Filippo Tortu nella 4×100.

    Tamberi tornerà in gara dopo il 2.25 di Birmingham, che gli è valso il secondo posto nella tappa britannica della Diamond League, mentre Tortu dopo il 200 metri della prima tappa di Diamond a Doha, dove ha corso in un buon 20″41 penalizzato peraltro da una svantaggiosa prima corsia.

    I due campioni azzurri hanno rilasciato alcune dichiarazioni di cui riassumiamo sotto i punti principali.

    Le parole di Gimbo: “Per ottenere grandi risultati quali una vittoria alle Olimpiadi serve ovviamente una base di talento, altrimenti sarebbe impossibile raggiungere certi risultati ma poi, come in ogni campo, la voglia di arrivare sempre più su e non accontentarsi mai ti permette di raggiungere obiettivi che prima sembravano impossibili.

    L’infortunio prima delle giochi del 2016 mi ha indotto a entrare in una sfida con me stesso per tornare ad essere l’atleta che ero prima, cercando di non arrendermi ad un destino che era stato crudele con me. Questa è stata la cosa che mi ha permesso di provare a dare sempre di più.

    Se nella mia storia ho imparato che l’impossibile può diventare possibile non vedo perché dovrei accontentarmi di quello che ho fatto e, senza dubbio, non voglio mai pormi dei limiti.”

    Le dichiarazioni di Filippo: “La velocità azzurra sta vivendo un periodo che forse non aveva mai vissuto fino ad ora e sapere di fare parte di questo momento mi rende orgoglioso. Tale condizione mi spinge a fare sempre meglio e a lottare con una concorrenza in casa di altissimo livello.

    Mi sento molto bene, ho lavorato tanto e con determinazione in queste settimane per cui penso che Trieste sia una tappa importante per affrontare al meglio il resto della stagione

    Domani cercherò di correre il più forte possibile e spero ci siano tutte le condizioni per far si che io possa ottenere un grande risultato.”

    Da segnalare tra gli altri azzurri in gara la presenza della primatista italiana dei 100 ostacoli Luminosa Bogliolo, e degli specialisti dei 400 H Mario Lambrughi e José Bencosme, tornati recentemente su buoni livelli.

    Tutti gli iscritti con gli orari delle varie gare

     

    Sport OK Junior