Claudio Stecchi (Foto Colombo Fidal)
Claudio Stecchi (Foto Colombo Fidal)
Fastweb Casa ADSL

Gara test, ieri, al centro sportivo delle Fiamme Gialle di Ostia, per Claudio Michel Stecchi, che non gareggiava dal 27 agosto a Rovereto e che, in questa stagione all’aperto, dopo i fasti della stagione indoor, ha potuto saltare poco, per vari problemi fisici.

Le dichiarazioni dell’atleta

“È andata bene per diversi motivi. Non saltavo dal 27 agosto a Rovereto, e quindi non sapevamo dove fossimo rimasti a livello tecnico, nonostante la condizione fosse aumentata.

L’altro motivo è che la gamba sinistra non ha sofferto, sta benissimo, quindi il piccolo infortunio è stato recuperato del tutto. Poi 5,70 è sempre un’ottima misura, l’unica pecca è che a 5,80 è girato il vento e quindi né io né Thiago ( Braz: P.B. 6.03 metri)  siamo riusciti a saltare. Va bene così, abbiamo visto quello che cercavamo: sensazioni di gara in un contesto di allenamento”.

Le prospettive per Doha

Dopo il test di ieri le possibilità di fare una bella figura a Doha, per Claudio, sono aumentate anche se il lotto dei suoi avversari è veramente molto agguerrito in quanto la specialità del salto in asta, al contrario di quella del salto in alto che fatica a trovare nuovi talenti, è in una fase di straordinaria espansione.