Khalifa International Stadium ( Foto Sprint Academy )
Khalifa International Stadium ( Foto Sprint Academy )
Fastweb Casa ADSL

Il percorso che porta dal nostro albergo allo stadio sarà di una decina di km., fatto di strade molte larghe, immerse tra i grattacieli, nella prima parte, per poi sfociare in una zona meno recente per costruzioni, in cui si vedono solo case basse e più orientaleggianti.

Lo stadio si erge imponente e, dal di fuori, trasmette lo sfarzo tipico del posto, anche se poi avvicinandosi ai varchi d’ingresso la sensazione è diversa, con postazioni di controllo, quasi militari, e accessi rigorosamente divisi, tra uomini e donne.

In ogni caso tutto scorre veloce, anche se non abbastanza, vista la cappa tremenda di umidità che ci avvolge ogni volta che si sta fuori da un ambiente chiuso.

L’esigenza di entrare, il prima possibile, dentro lo stadio climatizzato, pur se all’aperto, è forte e ci appropinquiamo con passo spedito, ma con la fatica derivante dall’afa oppressiva.

Eccoci finalmente dentro e l’aria, in effetti, comincia ad essere meno opprimente per cui ci rechiamo verso i nostri posti con maggior sollievo.

Ci troviamo sulla tribuna apposta all’arrivo, non è stato possibile avere altro e siamo in mezzo alla gente del posto, riuscendo perfettamente a capire di quante diverse etnie sia composta la popolazione qatariana.

La temperatura è mite, ci saranno 26/27 gradi, contro i 40 di fuori, ma soprattutto l’umidità è quasi sparita. Lo stadio non è molto pieno e la gente intorno a noi abbastanza fredda agli eventi, tranne quando, magari, passa in pista qualche atleta locale.

La cosa stranissima, e non mi era mai capitata in un impianto, qualsiasi sport stessi seguendo, è che le persone vicino a noi continuano a cambiare: si siedono, stanno un po’ e se ne vanno, sostituite da altre, insomma un movimento continuo di uomini, donne e bambini che un po’ disturba.

Credo, in sostanza che, per la gente del posto, i mondiali di atletica siano solo curiosità ma poco importa e allora pensiamo alle gare………con l’adrenalina pura di stasera: semifinali e finali dei 100 metri.