Larissa Iapichino (foto Colombo)
Larissa Iapichino (foto Colombo)
FASTWEB

E’ stata una festa blindata, con pochissimi partecipanti esterni per le rigide disposizioni anti-Covid, ma è stata veramente una grande festa dell’Atletica in cui, certamente, la Regina del tardo pomeriggio savonate è stata lei: Larissa Iapichino.

Ho avuto la fortuna e il privilegio di vederla saltare a pochissimi metri e devo dire che mi ha realmente impressionato per l’eleganza della rincorsa, la precisione dello stacco, l’agilità della fase aerea in cui sembra realmente che voli.

Devo dire che preferisco sempre essere prudente nella valutazione degli atleti molto giovani ma questa ragazza, al di là dei geni che le appartengono, primo su tutti quello della madre dietro cui si è piazzata nelle graduatorie italiane di tutti i tempi nel salto in lungo, ha realmente una capacità innata di gestire, al meglio, le situazioni agonistiche ed ha anche quella indispensabile freddezza, caratteristica fondamentale dei grandi atleti.

Ieri, dopo il suo fantastico balzo a 6,80, non si è scomposta più di tanto, ed è tornata a concentrarsi per le altre prove, come se quanto ottenuto fosse solo uno dei tanti passaggi obbligati verso obiettivi ancor più prestigiosi.

Complimenti veramente e un plauso, per la gara di ieri, anche a Tania Vincenzino, atleta di grande esperienza, 34nne, vincitrice di ben otto titoli italiani assoluti nel lungo dal 2007 al 2014, plurisportiva in quanto facente parte anche della nazionale italiana di Bob, che balza a 6,55, a soli 10 cm. dal suo personale del 2014.

Da ricordare che Tania aveva avuto, questo inverno, un brutto incidente proprio con il Bob che l’aveva costretta a un lungo periodo di inattività.

Tania Vincenzino (foto archivio)
Tania Vincenzino (foto archivio)
Fastweb Fibra