Pista atletica (foto libera)
Pista atletica (foto libera)
Fastweb Casa ADSL

In un momento storico in cui si parla tanto di ecosostenibilità e di economia circolare, ci piace evidenziare questa interessantissima iniziativa che, oltre ad avere un collegamento diretto con il mondo dell’atletica leggera, è un ennesimo modo per ricordare l’indimenticabile Pietro Mennea.

Proprio al grandissimo campione è stata intitolata la Pista di Pietro, una vera pista di atletica di 60 metri con tre corsie, realizzata con il riciclo di scarpe da ginnastica usate tra cui un paio appartenute proprio al Pietro nazionale.

L’iniziativa nasce da un’idea di Paolo Masini, presidente e fondatore del Roma Bpa e Nicolas Meletiou, fondatore del progetto “Esosport” di Eso Società Benefit per la raccolta di sneakers usate, con la collaborazione diretta di Manuela Olivieri Mennea, moglie del campione.

La pista sarà presentata oggi, 23 settembre alle 11 al Foro Italico, in occasione della Settimana europea dello sport, in programma dal 23 al 28 settembre.

Il progetto si colloca nell’ambito degli eventi organizzati dalla rappresentanza, in Italia, della Commissione europea e dalla Fidal, per incentivare la pratica dello sport e l’adozione di stili di vita sani.

Particolare interessante è la rimovibilità della pista che potrà, per questo, essere utilizzata da impianti sportivi, enti locali e, soprattutto, scuole, in un ottica di avvio all’atletica e di sensibilizzazione alle esigenze del pianeta.

Nel corso della settimana europea dello sport, gli studenti saranno invitati a correre sulla pista di Pietro per cercare di avvicinare, il più possibile, il personale dell’atleta sui 60 metri indoor, 6″68, ottenuto nel 1976. Chi parteciperà  riceverà, alla fine, un attestato riportante il tempo di gara, firmato da Manuela Olivieri Mennea.

 

Iscriviti alla newsletter di SprintNews.it