New York City Marathon
La corsa sul Ponte di Verrazzano
Fastweb Casa ADSL

Sale l’emozione per la Maratona di New York, corsa che attira ogni anno più di 50 mila podisti, e trasforma la metropoli statunitense nella capitale indiscussa del running. Non c’è da stupirsi se alcuni dei migliori maratoneti al mondo proveranno a mettere il proprio nome sull’albo d’oro.

Il percorso, con i suoi cambi di pendenza, non è certo scorrevole come nella gara di Berlino. Eppure, una vittoria qui è molto più prestigiosa. E i vincitori del 2018 cercheranno di rivivere l’ebbrezza dell’anno passato.

Uomini: c’è il campione del mondo Lelisa Desisa

A meno di un mese dal trionfo ai Mondiali di Doha, la partecipazione di Lelisa Desisa non era per niente scontata. Così come i suoi colleghi top runners, l’etiope è abituato a gareggiare poco durante l’anno. Tra una maratona e l’altra passano mesi; 29 giorni è l’eccezione alla regola.

Troppo forte il richiamo della Grande Mela, e del titolo vinto lo scorso anno. In quell’occasione (2h05:59), batté in volata il connazionale Shura Kitata (2h06:01). Poco più dietro il keniota Geoffrey Kamworor (2h06:21), detentore del record del mondo nella mezza maratona, qui trionfatore nel 2017. Questi tre saranno gli atleti da battere anche nel 2019.

Donne: Mary Keitany a caccia del quinto titolo

Nonostante i suoi 37 anni (che in maratona contano relativamente), Mary Keitany è il nome più temibile della competizione femminile. Alzasse le braccia al cielo anche quest’anno, la keniota porterebbe a cinque il numero dei suoi successi. Il record di Grete Waltz, nove vittorie negli anni ’70-’80, è ancora lontano. E comunque, in anni super competitivi come i nostri, si tratterebbe pur sempre di un notevole risultato.

La principale avversaria per lo scettro è l’etiope Ruti Aga, in cerca di riscatto dopo il ritiro ai Mondiali di Doha. Segue Joyciline Jepkosgei, specialista della mezza maratona, che dopo aver provato senza successo a buttarsi a Londra sulla doppia distanza (ritirata), ritenterà qui, puntando subito al colpaccio. Col ritiro di Shalane Flanagan, ultima americana a vincere nel 2017, sarà una sfida tutta africana.

Italiani: rinunciano Rachik e Dossena

Due infortuni, rimediati entrambi a Doha, impediscono a Yassine Rachik e Sara Dossena di giocarsi le loro carte nella Grande Mela. Il primo ha sofferto una “lacerazione tibiale della bandelletta ileo-tibiale,” a seguito di un blocco all’anca a cui non ha voluto arrendersi, chiudendo i Mondiali in dodicesima posizione.

La seconda è costretta a rinunciare per la seconda volta di fila, incapace di difendere lo splendido sesto posto del 2017. Per la prima volta in molti anni, nessun azzurro tra i top runners. Peccato, perché con 2800 iscritti la compagine italiana è la seconda più numerosa di New York, dietro ovviamente quella statunitense. Tutti amatori, e nessun professionista.

Orario e diretta TV

La gara prenderà il via domenica 3 novembre tra le 14:30 (carrozzine) e le 17:00 ore italiane (ultima onda). I professionisti alle 15:10 (donne) e alle 15:40 (uomini). Diretta RaiSport dalle ore 14:55, ed Eurosport 1 dalle 15:05.