Da oggi a domenica i Campionati Italiani Juniores

La talentuosa 17enne Marta Amani in gara oltre che nel lungo anche sui 200 metri

FASTWEB

Iniziano oggi per terminare domenica 10 luglio, ancora una volta allo Stadio Raul Guidobaldi di Rieti, i Campionati Italiani assoluti under 20, vale a dire quelli dedicati agli atleti nati nel 2003 e 2004.

Saranno 44 i titoli in palio, tra singole specialità individuali, prove multiple e staffette, per una manifestazione che riveste un significato particolare anche nell’ottica di scegliere i migliori azzurri da portare in Colombia, a Cali, dall’uno al sei agosto per i Campionati del Mondo Juniores.

Tra gli atleti più attesi, spicca certamente la presenza della 17enne milanese, grande promessa dell’atletica azzurra da quando era cadetta, Marta Amani, campionessa italiana assoluta indoor del lungo a febbraio e seconda agli assoluti outdoor, dietro a Larissa Iapichino, con l’eccellente personale di 6,51 che l’ha fatta salire al quarto posto delle graduatorie italiane under 20 di tutti i tempi, oltretutto al primo anno di categoria.

Marta, peraltro, risulta iscritta anche nei 200 metri che non ha particolarmente preparato, ma che affronterà a mente libera dopo la prova del lungo.

Un’altra atleta che si è messa in luce sin da giovanissima è la torinese Great Nnachi, salita nell’asta femminile fino a 4.25 e che dovrebbe partecipare anche ai 100 metri, mentre nella stessa specialità di salto al maschile va rilevata l’esplosione agonistica di Simone Bertelli, divenuto nel 2022 il miglior astista italiano della storia al primo anno da junior grazie alla misura di 5,35 che gli ha garantito il podio tricolore assoluto.

Infine, prima di entrare nel dettaglio di alcune delle discipline in programma, da segnalare in particolare la presenza nel salto in alto del 18enne Edoardo Stronati brillante quarto degli assoluti con la misura di 2.20, poi nel mezzofondo del neo-primatista italiano juniores degli 800 Francesco Pernici, e infine anche di Rachele Mori, pure lei detentrice di una miglior prestazione italiana under 20, nel lancio del martello, che si è ben distinta agli Assoluti sempre a Rieti con il secondo posto dietro a Sara Fantini.

Rachele Mori (foto Andrea Bruschettini)
Rachele Mori (foto Andrea Bruschettini)

Velocità e ostacoli

Loris Tonella si candida a un ruolo da protagonista assoluto su 100 e 200 metri, mentre nei 400 lo stesso vale per Luca Sito il milanese sceso quest’anno a 46″90 al Challenge per sfiorare la top ten di tutti i tempi in Italia.

Al femminile la favorita sui 100 e 200 dovrebbe essere Ilenia Angelini, mentre nei 400 guida il pronostico la campionessa italiana allieve 2021 Nancy Demattè che quest’anno ha corso in 54″46.

In tre sotto i 14 secondi in stagione sulla barriera da un metro dei 110 H maschile, vale a dire  Damiano Dentato, Riccardo Legnani ed Edoardo Corti che si dovrebbero contendere il titolo, mentre nella gara femminile dei 100 H da seguire Sandra Milena Ferrari e Chiara Minotti

Riccardo Ganz è l’uomo di riferimento dei 400 ostacoli con il 51″29 del Challenge che gli vale il quarto posto da junior europeo quest’anno, mentre tra le donne sotto il minuto è approdata quest’anno Alessia Seramondi espressasi in 58″56 per salire all’ottavo posto italiano all time.

Mezzofondo

Sui 1500 metri Thomas Serafini con 3’46″83 ha il miglior crono 2022 appena davanti a Simone Valduga e Mario Roani, mentre sui 3000 Alessandro Pasquinucci è sceso quest’anno a 8’18″21 e, sui 3000 siepi, ci sarà il bronzo di Tallinn Cesare Caiani, unico sotto i 9 minuti nel 2022.

Detto di Francesco Pernici negli 800 maschili, al femminile da seguire Martina Canazza e la tricolore allieve 2021 Breanna Selley che si sono espresse rispettivamente in 2’06″33 e 2’07″26.

Salti

Greta Brugnolo, finalista europea e mondiale under 20 del triplo, è iscritta a entrambi i salti in estensione, in cerca di una svolta alla propria stagione e con una probabile nuova sfida con Francesca Orsatti nei tre balzi, in una specialità quest’anno non ancora decollata all’aperto.

Incerta anche la stessa gara al maschile con Samuele Baldi, Lorenzo Cagliero ed Emanuele Trento.

Anche il triplo propone un possibile match a tre tra il leader 2022 (15,71) Federico Bruno, Alex Fabbri e Federico Morseletto.

Incerto anche il salto in alto femminile, al contrario del maschile con il favoritissimo Stronati, con Serena Masi, Laura Giannelli e Francesca Maurino.

Edoardo Stronati (foto Grana/FIDAL)
Edoardo Stronati (foto Grana/FIDAL)

Lanci

Già detto della favoritissima Rachele Mori, la concorrenza è guidata dalla tricolore allieve 2021 Giulia Rossi.

Due fari anche nel peso e nel disco, Anna Musci e Benedetta Benedetti, terza e quarta agli ultimi Assoluti nelle rispettive specialità e in entrambi i casi la prima rivale è la marchigiana Sofia Coppari.

La leader 2022 del giavellotto è con 47,55 Genet Galli, ma la campionessa italiana allieve 2021 è sfidata da Federica Dozio, cresciuta sino a 46,01 agli Assoluti.

In campo maschile Emmanuel Musumary sembra il favorito del peso con uno stagionale di 18,79 di fronte a una concorrenza comunque frizzante, guidata dall’altro lombardo Gioele Tengattini con 17,39.

Nel disco comanda il tricolore under 20 invernale Matteo Storti con 53,37 ma di recente si è avvicinato (51,58) Mattia Perin.

Davide Vattolo guida le liste stagionali del martello con il 73,01 in aprile e poi 71,59 un mese fa.

Il capolista 2022 del giavellotto è Marco Bernardi con un 68,62 ottenuto però a febbraio mentre in primavera il miglior lancio è il 65,93 di Raffaele Lettera in aprile.

Prove multiple

Nell’eptathlon da seguire la trentina Giulia Riccardi, seconda un anno fa, e approdata due settimane fa al personale di 5157 punti con e il terzo posto degli assoluti, e la toscana Matilde Carboncini, che quest’anno ha superato la barriera dei 5000 punti.

Nel decathlon attenzione ad Alberto Nonino, classe 2004, campione italiano indoor a Padova e arrivato a 6934 punti, e il piemontese Stefano Demo.

Tutti gli iscritti

Sport OK Junior