Noah Lyles (foto Getty Images)
Noah Lyles (foto Getty Images)
FASTWEB

Noah Lyles, Katerina Stefanidi, Shaunae Miller Uibo, Allyson Felix e Omar McLeod sono soltanto alcune delle stelle che daranno vita agli Inspiration Games di Zurigo, il meeting virtuale organizzato dal Weltklasse di Zurigo e dalla Wanda Diamond League nella serata di Giovedì 9 Luglio 2020.

Trenta campioni dell’atletica mondiale gareggeranno in otto discipline e in sette stadi diversi in tutto il mondo in una sfida a squadre tra Europa, Stati Uniti e Resto del Mondo. Il cast degli Inspiration Games riunisce 27 medagliati olimpici, 62 mondiali e 36 medagliati ai Campionati Europei.

Per riprendere questo evento unico ci saranno venti telecamere. Per le gare di velocità verrà utilizzata la tecnologia delle pistole sincronizzate per lo start dalle sette differenti sedi di gara.

Lyles contro Lemaitre e Martina sui 200 metri

Il campione del mondo dei 200 metri di Doha 2019 Noah Lyles correrà sulla pista di Bradenton in Florida, mentre Christophe Lemaitre sarà impegnato al Letzigrund di Zurigo.

L’olandese Churandy Martina correrà a Papendal vicino a Papendal in Olanda. Lyles ha vinto le ultime due edizioni del Weltklasse di Zurigo correndo i 200 metri in 19”67 nel 2018 e i 100 metri in 9”98 nel 2019 e ha portato a casa due dei quattro Diamond Trophies della sua carriera.

Lyles ha debuttato in questa stagione correndo i 100 metri in 9”93 con molto vento a favore al meeting di Montverde Lo scorso anno il simpatico sprinter statunitense ha divertito il pubblico del Letzigrund quando ha cantato in versione rap l’inno del Weltklasse di Zurigo “Souvenir” insieme alla band zurighese Baba Schrimps e alla saltatrice con l’asta Sandi Morris.

Lemaitre ha gareggiato più volte al Weltklasse di Zurigo e ha vinto due medaglie d’argento sui 100 e sui 200 metri nell’edizione dei Campionati Europei disputata al Letzigrund nel 2014.

Il francese ha vinto un totale di otto medaglie agli Europei (tripletta sui 100 e 200 metri e staffetta 4×100 a Barcellona 2010, un oro sui 100 metri e un bronzo nella 4×100 a Helsinki 2012 e due argenti individuali e un bronzo nella staffetta 4×100 a Zurigo 2014), un bronzo sui 200 metri ai Mondiali di Daegu 2011 in 19”80 (terzo crono europeo all-time) e un bronzo alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 in 20”12.

Martina ha vinto tre medaglie d’oro ai Campionati Europei (200 metri e staffetta 4×100 a Helsinki 2012 e 100 metri ad Amsterdam 2016) e ha stabilito il record personale sui 200 metri con 19”81 in terra svizzera a Losanna nel 2016.

150 metri stellari con Miller Uibo, Felix e Kambundji

Shaunae Miller Uibo correrà sui 150 metri sulla pista di Brandenton contro la statunitense Allyson Felix (in gara sulla pista californiana di Walnut) e la svizzera Mujinga Kambundji (in gara al Letzigrund).

Miller Uibo vinse la finale dei 200 metri della Diamond League a Zurigo dello scorso anno in un eccellente 21”74 ripetendo il successo dell’edizione 2017 in 21”88.

Nell’ultimo fine settimana la campionessa olimpica dei 400 metri di Rio de Janeiro 2016 ha fatto l’esordio stagionale correndo i 200 metri in 22”61 con vento contrario e i 400 metri in 50”52 a Montverde in Florida, dove vive e si allena sotto la guida di coach Lance Brauman.

Allyson Felix è la donna con il maggior numero di medaglie vinte nell’atletica alle Olimpiadi (sei ori e tre argenti) e ai Campionati del mondo (13 ori, 3 argenti e 2 bronzi).

La statunitense ha vinto i 400 metri dell’edizione del Weltklasse del 2010 in 50”37 nell’annata in cui centrò il doppio diamante su 200 e 400 metri. Da sempre beniamina del pubblico zurighese Felix ha corso i suoi migliori tempi sulla pista del Letzigrund sui 400 metri nel 2009 con 49”83 e sui 200 metri nel 2016 con 22”02.

Mujinga Kambundji è il volto felice dell’atletica svizzera, che ha conosciuto un momento di grande slancio dopo gli Europei del 2014 disputati a Zurigo.

La sprinter bernese di padre congolese e di madre svizzera si classificò quarta sui 100 metri e quinta sui 200 metri nella rassegna continentale disputata al Letzigrund.

Nelle ultime due annate la rossocrociata ha vinto il bronzo sui 60 metri ai Mondiali Indoor di Birmingham 2018 e il bronzo sui 200 metri ai Mondiali di Doha 2019.

100 yards maschili con De Grasse, Vicut e McLeod

Sfida su una distanza insolita ma ricca di fascino e storia tra il campione olimpico dei 110 ostacoli di Rio de Janeiro 2016 Omar McLeod in rappresentanza del team del resto del mondo, il vice campione del mondo dei 200 metri di Doha 2019 André De Grasse per il Nord America e il primatista europeo dei 100 metri Jimmy Vicaut per l’Europa.

Gareggeranno tutti e tre insieme sulla stessa pista di Bradenton in Florida, dove si allenano nello stesso gruppo guidato da Coach Rana Reider. Il primato del mondo delle 100 yards è detenuto da Asafa Powell con 9”07 a Ostrava nel 2010.

300 ostacoli femminili con Moline, Sprunger e Hejnova

La statunitense Georganne Moline sfida la medaglia d’oro europea in carica Lea Sprunger e la ceca Zuzana Hejnova, campionessa mondiale a Mosca 2013 e a Pechino 2015. Moline (sostituta della campionessa olimpica Dalilah Muhammad) correrà a Walnut, mentre Sprunger e Hejnova saranno rispettivamente a Zurigo e a Papendal in Olanda.

Hejnova ha vinto due edizioni del Weltklasse di Zurigo nel 2013 e nel 2015. Sprunger ha battuto il record svizzero di Anita Protti in occasione del quarto posto ai Mondiali di Doha 2019 in 54”06. Moline ha vinto l’edizione 2018 del Golden Gala Pietro Mennea di Roma in 53”97.

Salto con l’asta femminile con Stefanidi, Morris e Bengtsson

La campionessa olimpica ed europea in carica Ekaterini Stefanidi salterà sulla pedana californiana di Walnut per l’Europa dando vita all’ennesima sfida con la campionessa mondiale indoor e argento olimpico e mondiale outdoor Sandi Morris, che sarà impegnata a Brandenton.

Completa il cast la svedese Angelica Bengtsson, che disputerà la gara a Karlstad in Svezia per il team World. Stefanidi vinse la finale della Diamond League 2018 a Zurigo con 4.87m battendo Morris (4.82m). La greca ha vinto 24 dei 42 scontri diretti con la statunitense.

Salto con l’asta maschile con Kendricks, Lisek e Valentin Lavillenie

Contemporaneamente alla gara del salto con l’asta si disputerà anche l’analoga gara maschile che vedrà come protagonisti il due volte campione del mondo Sam Kendricks, il bronzo iridato di Doha 2019 Piotr Lisek e Valentin Lavillenie, che sostituisce il fratello Renaud, purtroppo costretto a dare forfeit per un infortunio al pollice durante una sessione di allenamento in giardino. Kendricks salterà a Bradenton, mentre Lisek e Lavillenie saranno impegnati rispettivamente a Karlstadt e a Aubière. Kendricks ha vinto due finali della Diamond League a Zurigo nel 2017 (5.87m) e nel 2019 (5.93m).

Si rinnova il duello tra Taylor, Pichardo e Craddock nel salto triplo maschile

Christian Taylor (quattro volte campione del mondo e due volte oro olimpico) darà vita di nuovo alla classica sfida con il portoghese di origini cubane Pedro Pablo Pichardo.

Taylor salterà sulla pedana di Bradenton per il team World, mentre Pichardo sarà a Lisbona per il team Europe. Completa il cast l’altro statunitense Omar Craddock (in gara per l’America sulla pedana di Walnut).

Taylor ha vinto sette titoli della Diamond League e si è imposto due volte a Zurigo nel 2014 con 17.51m e nel 2016 con 17.80m. La rivalità tra Taylor e Pichardo iniziò nel 2015 quando entrambi superarono la barriera dei 18 metri nella stessa gara a Doha (Pichardo si impose per due centimetri con 18.06m).

Staffetta 3×100 con USA, Olanda e Svizzera

La staffetta 3×100 svizzera comprendente Mujinga Kambundji e Ajla Del Ponte (vincitrice alla Fastwebcup di Rieti sui 100 metri in 11”35 in finale e 11”32 in batteria di Sabato scorso) correrà al Letzigrund contro gli Stati Uniti con Allyson Felix in squadra e l’Olanda di Dafne Schippers, vincitrice del doppio titolo europeo nel 2014 a Zurigo.

La staffetta femminile chiude da tradizione il meeting di Zurigo ed è uno dei momenti clou perché serve da passerella per le ragazze elvetiche. Lo scorso anno le rossocrociate corsero la 4×100 in 42”75 un mese prima di classificarsi quarte ai Mondiali di Doha con il record nazionale (42”18).

Per compensare la mancanza di spettatori gli organizzatori hanno invitato i fans svizzeri ad inviare la loro foto e la maglia della nazionale svizzera. I cartonati dei fans verranno messi sulle tribune del Letzigrund per rendere più colorata e allegra l’atmosfera.

Le immagini in diretta del meeting verranno prodotte dalla televisione svizzera SRG SSR e trasmesse in tutto il mondo.

Le tre emittenti svizzere (RSI La 2 in Canton Ticino, SRF 2 nella Svizzera tedesca e TSR 2 nella Svizzera di lingua francese) e numerosi broadcaster internazionali come la BBC e il canale youtube della World Athletics trasmetteranno l’evento in diretta dalle 20 alle 21.30 di Giovedì sera.

Sport OK Junior