Matthew Boling (foto Georgia Bulldogs)
Matthew Boling (foto Georgia Bulldogs)
FASTWEB

Il velocista e saltatore in lungo bianco Matthew Boling (classe 2000) ha esordito nella stagione NCAA indoor per il team dell’Università della Georgia stabilendo il record personale sui 60 metri in 6”64, dopo aver corso la batteria in 6”70 a Clemson.

Boling realizzò un eccellente 9”98 ventoso sui 100 metri quando era junior. A livello under 20 il fenomeno statunitense realizzò anche 10”11 regolare sui 100 metri, 20”31 sui 200 metri, 46”15 sui 400 metri e 8.01m nel salto in lungo.

Garrett Scantling ha fermato il cronometro in 7”77 sui 60 ostacoli maschili.

Trishauna Hemmings si è imposta sui 60 ostacoli femminili in 8”18.

Debutto vincente di Steven Gardiner sui 300 metri in Alabama

Il campione del mondo dei 400 metri outdoor di Doha 2019 Steven Gardiner ha vinto i 300 metri in 32”70 (in carriera ha un record personale di 32”26) al Blazer Invitational.

Taylor Anderson si è aggiudicata i 60 metri femminili in 7”37 davanti alla bahamense Taynia Gaither (7”45) e alla specialista dei 100 ostacoli Christina Clemons (7”49).

La quattrocentista Jessica Beard ha fatto registrare un buon 37”54 sui 300 metri.

Il vento spinge Browning sotto i 10 secondi in Australia

A proposito di talenti dello sprint va segnalato anche il 9”96 dell’australiano Rohan Browning sui 100 metri con vento a favore di +3.3 m/s in un meeting disputato a Wollongong in Australia.

Joshua Azzopardi si è classificato secondo in 10”29 precedendo Zach Holdsworth (10”34).

Browning ha poi corso anche i 60 metri outdoor in un ottimo 6”55 superando Anas Abu Ganaba (6”70) e Azzopardi (6”74).

In campo femminile Monique Quirk ha fermato il cronometro in 7”28 sui 60 metri.

Da registrare anche il 53”35 di Bendere Oboya sui 400 metri e il 4’35”90 di Kate Spencer sul miglio.

 

Sport OK Junior