Gaia Sabbatini (foto Pikdo)
Gaia Sabbatini (foto Pikdo)
FASTWEB

Oggi è l‘8 marzo, data che segna la giornata internazionale della donna, importantissimo evento che ricorre, in gran parte del mondo, dal 1909, l’8 marzo dal 1914, per celebrare la dignità delle donne e la propria totale uguaglianza con gli uomini.

Oggi è anche un giorno abbastanza complicato per tutta l’Italia e, in particolare, per una parte molto numerosa al nord, con tutta una serie di interrogativi, incertezze e anche paure di ogni genere che ci stanno attanagliando.

In questa situazione è ovvio che passa in second’ordine qualsiasi notizia e che non abbia nessuna importanza, rimanendo nell’ambito dello sport e, nella fattispecie, dell’atletica leggera, che nessun tipo di manifestazione possa essere svolta almeno sino al 3 aprile.

Ma la vita deve andare avanti, rispettando in maniera intelligente tutte le disposizioni decretate dal nostro governo, ma cercando di reagire e cogliendo, dunque, qualsiasi spunto per poter, in ogni caso, pensare positivo.

Si può scrivere, ben poco, in questi momenti ma mi piace, proprio nella “giornata internazionale della donna”, festeggiare un traguardo raggiunto da una donna che è un’Atleta che svolge la sua professione con grande passione e sacrificio, Gaia Sabbatini, specialista del mezzofondo veloce: 800 e 1500 metri.

Il traguardo non è sportivo, in questo caso, è solo il raggiungimento, proprio oggi che è l’8 marzo, della soglia di 100.000 followers su instagram e, anche se sto parlando di una piattaforma social, la notizia sta nella grande popolarità raggiunta da una sportiva che pratica l’Atletica Leggera.

Per far meglio comprendere la dimensione di questo dato ho voluto fare una piccolissima indagine su quelle che sono alcune tra le sportive di punta dello sport italiano, per capire quanto fosse grande il loro seguito social e questo è il dato emerso:

  • Federica Pellegrini( nuoto ) 1.100.000
  • Sofia Goggia (sci) 273.000
  • Camila Giorgi (tennis) 258.000
  • Federica Brignone (sci) 156.000
  • Paola Egonu (pallavolo) 145.000
  • Sara Gama (calcio) 134.000
  • Simona Quadarella (nuoto) 114.000

Tralasciando l’intramontabile Pellegrini, capace ancora di enormi imprese sportive a distanza di 15 anni dalla sua prima medaglia olimpica e, ormai da tempo, anche personaggio televisivo, vediamo come atlete molto importanti e note, anche a livello mondiale, quali la sciatrice Goggia e la tennista Giorgi, non avvicinino nemmeno i 300.000 followers.

Addirittura poco sopra i 150.000 la Brignone, che ha appena vinto la coppa del mondo di combinata di sci, e più sotto la Egonu diventata famosissima per il secondo posto ai mondiali della nazionale di pallavolo, la Gama capitano della nazionale di calcio femminile e, molto vicina ai 100.000, una campionessa del mondo e tre volte europea, Simona Quadarella.

Insomma nel club degli over 100.000 followers su instagram non è facile arrivare per nessuna Atleta e il fatto che ci sia riuscita, da sola e senza nessun aiuto di agenzie, una ragazza di vent’anni che vive e si sacrifica per l’Atletica, trovo sia veramente un bellissimo spot per questo sport, da qualche anno un po’ dimenticato, che ha bisogno anche di personaggi che la trainino e che ne riaccendino l’interesse.

Ovviamente postare, per divertimento, delle belle foto tutti i giorni, non basta a creare una grande Atleta, ma Gaia sta dimostrando sempre di più che, con la passione e il sacrificio, si può migliorare costantemente e, se la sua crescita agonistica sarà commisurata a quella dei suoi followers, sarà sempre più di esempio e di traino per chi si vuole avvicinare all’Atletica Leggera.

Il mio personale augurio a Gaia per tutto quello che rappresenta l’8 marzo e la speranza sincera che possa continuare a inseguire, giorno dopo giorno, i suoi sogni da Atleta.

Fastweb Fibra