Deajah Stevens (foto Pinterest)
Deajah Stevens (foto Pinterest)
FASTWEB

La finalista statunitense dei 200 metri olimpici di Rio, Deajah Stevens, è stata esclusa, di fatto, dai Giochi di Tokyo del 2021 per aver mancato tre test anti-doping.

La sentenza è arrivata un mese dopo la sospensione temporanea di un altro velocista statunitense, il campione del mondo dei 100 metri maschili Christian Coleman, ancora sotto inchiesta AIU per 3 test falliti.

La venticinquenne è stata sospesa per 18 mesi, nel periodo dal 17 febbraio al 16 agosto 2021, otto giorni dopo la fine delle Olimpiadi posticipate.

In ogni modo la Stevens, rappresentata da uno dei migliori avvocati dello sport per casi di doping, Howard Jacobs, può ancora appellarsi contro il divieto presso il tribunale arbitrale dello sport.

La sentenza ha affermato che nella prima occasione, il responsabile del controllo antidoping non è riuscito a raggiungere la posizione specificata dall’americana a causa dell’accesso limitato all’indirizzo indicato in Oregon e i tentativi di raggiungerla telefonicamente non hanno avuto successo.

Per il test di agosto 2019 a West Hollywood, la Stevens ha affermato che il suo telefono si è scaricato durante la notte e ha visto le cinque chiamate perse solo quando si è svegliata. Tre colpi alla sua porta nell’arco di 22 minuti rimasero senza risposta.

Nell’ultimo test fallito, ha detto che si trovava a casa, ma aveva cambiato il numero di telefono per evitare molestie da parte di un individuo sconosciuto che aveva minacciato la vita del suo fidanzato.

Secondo l’ufficiale di controllo antidoping, l’accesso all’edificio durante la visita finale è stato limitato poiché il nome della Stevens non si trovava nell’elenco telefonico dell’edificio, cosa che la sprinter ha dichiarato di aver richiesto a causa delle accuse di molestie.

Nonostante la nostra comprensione per l’atleta, non siamo stati soddisfatti, in termini di probabilità, che il suo comportamento sia stato corretto“, ha affermato il panel disciplinare, rilevando i due precedenti fallimenti di dove si trovava l’atleta.

Avrebbe dovuto essere in allerta rossa, dopo gli iniziali test saltati e consapevole di non poter perdere la prossima“, ha detto la sentenza.

Il tribunale ha tenuto conto della “angoscia, paura e distrazione causate dalle molestie che ha subito” e ridotto di sei mesi la sospensione base di due anni per questo tipo di mancanza.

 

Fastweb Fibra