Massimo Stano (Foto Fidal)
Massimo Stano (Foto Fidal)
Fastweb Casa ADSL

“Follow your fire”, segui il tuo fuoco. Il titolo della sua canzone preferita del 2019 è anche un messaggio esplicito che lo traghetta a Doha con grande ottimismo. Sì, perché Zuri (bel soprannome!) viene da un’impresa che lo ha infiammato di autostima: lo scorso 8 giugno, in Galizia, Massimo Stano riscriveva il record nazionale nella 20 km di marcia.

Cavalcare quest’onda, come i draghi di Daenerys Targaryen, è la migliore idea che possa venire in mente al marciatore delle Fiamme Oro.

Climaticamente cambia tutto rispetto alle condizioni trovate nel nord della Spagna, dove l’Oceano porta freschezza e l’aria è frizzantina. A Doha il primo avversario sarà il termometro.

Ma il 27enne di Grumo Appula ha un motto tutto suo che lo può aiutare: “Non ci pensare!”. Saggezza orientale? No, pugliese. Però seguo le sue stories su Instagram e vedo che sta studiando giapponese, quindi la sua determinazione lo porterà a Tokyo 2020, ne sono certo.

Ps. Dice che non sopporta il classico vecchio col cappello che va a 20km/h. Parole sue eh… però spiegatemi una cosa, se il record di Massimo è 20km in 1h 17′ 45″, questo famoso vecchio col cappello lo avrebbe battuto e di oltre un quarto d’ora! 😉

Per leggere tutti gli articoli di “una Faina tra i cammelli” clicca qui.

Segui e commenta SprintNews.it su Facebook