Roberta Bruni (Foto Fidal Colombo)
Roberta Bruni (Foto Fidal Colombo)
FASTWEB

Avremmo potuto vederla cappottare avversarie sul tatami, invece Roberta Bruni ha deciso di finirci lei su un materasso, ma più soffice e dopo aver spiccato il volo con un’asta. Da piccola praticava judo, La Bruni, poi una supplenza a scuola ha fatto scattare lo sliding doors che l’ha portata a diventare l’astista per cui l’Italia farà il tifo ai Mondiali di Doha.

Romana di 25 anni del C.S. Carabinieri, è grata a genitori e nonni che ogni giorno dopo la scuola la portavano a Rieti consentendole di esprimere il suo talento.

Il salto con l’asta non è certo il ping pong, richiede attrezzature e spazi che potrebbero scoraggiare chi non ha la dovuta determinazione. Non è il caso di Roberta, ragazza che si definisce folle e spericolata, decisamente predisposta per gli sport e in particolare per la disciplina che l’ha portata in Qatar. Come se fosse scritto nel destino.

Più che al Fato però La Bruni crede all’impegno, perché “il lavoro paga sempre”. Questo è il suo mantra, una frase un po’ alla Forrest Gump, suo film preferito. Ecco, lui sì che diventò un campione di ping pong (ma anche maratoneta e influencer del running… oh Bruni mi hai fatto venire voglia di rivederlo).

Ma adesso è tempo di scrivere il proprio film, tra le palme e i grattacieli di Doha. Il proposito di viverlo intensamente e con il sorriso è già un buon inizio; un posto in finale (con PB) sarebbe il lieto fine più desiderato.

Per leggere tutti gli articoli di “una Faina tra i cammelli” clicca qui.

Fastweb Fibra