La Corte di Arbitrato per lo Sport (CAS) ha preso la decisione, in merito al mancato rispetto del Codice antidoping da parte dell’Agenzia russa antidoping, di ridurre il divieto alla Russia per le competizioni sportive internazionali, da 4 a 2 anni, in ogni caso sino alla fine di dicembre 2022.

La decisione del CAS non cambia il processo che World Athletics ha intrapreso con RusAF negli ultimi cinque anni.

Il Consiglio di World Athletics valuterà se consentire agli atleti russi di competere di nuovo come atleti neutrali autorizzati in competizioni internazionali (incluso consentire a un massimo di 10 la partecipazione agli eventi della World Athletics Series e ai Giochi Olimpici di Tokyo) nella sua prossima riunione, nel marzo 2021, o prima se la Taskforce lo raccomandasse, sulla base dei progressi compiuti dalla RusAF.

Sport OK Junior