Gergely Kulcsar (foto epoca)
Gergely Kulcsar (foto epoca)
FASTWEB

La tre volte medaglia olimpica del giavellotto ungherese Gergely Kulcsar è morto mercoledì (12) all’età di 86 anni.

Vincitore di 12 titoli nazionali, Kulcsar è stato il primo atleta ungherese a lanciare oltre gli 80 metri. Oltre all’argento olimpico nel 1964 e alle medaglie di bronzo nel 1960 e nel 1968, Kulcsar è stato anche il portabandiera dell’Ungheria alle Olimpiadi del 1964, 1968 e 1972.

Nato a Nagyhalasz nel 1934, Kulcsar era il maggiore di cinque figli. La famiglia si trasferì a Vac quando Kulcsar aveva sette anni e fu lì che scoprì lo sport, prima il calcio e poi l’atletica.

La sua prima grande apparizione internazionale avvenne ai Campionati Europei del 1958 a Stoccolma. Anche se quell’anno era solo 22° nel ranking mondiale, tornò dalla capitale svedese con una medaglia di bronzo.

Ha replicato quel traguardo due anni dopo ai Giochi Olimpici di Roma. In una competizione in cui tutti i grandi lanci sono arrivati ​​al primo tentativo, l’apertura di Kulcsar a 78,57 metri è stato sufficiente per conquistare il terzo posto.

La principale vittoria internazionale di Kulcsar è stata alle Universiadi del 1961 a Sofia, dove ha battuto il due volte campione europeo Janusz Sidlo ottenendo la medaglia d’oro.

Nel 1963, Kulcsar aggiunse quasi un metro al proprio record nazionale con 80,29 m, il primo tiro da 80 metri di un atleta ungherese. Era considerata, però, una misura non sufficiente per una medaglia alle Olimpiadi del 1964 a Tokyo, visto il nuovo primato mondiale del norvegese Terje Pedersen di 91,72 m appena prima dei Giochi.

Pedersen, tuttavia, non è riuscito a raggiungere la finale. Sidlo e Janis Lusis si sono scambiati il ​​comando nei primi due round, ma Kulcsar ha poi conquistato la pole position con 82,32 m nel quarto turno. Il suo vantaggio è stato di breve durata, tuttavia, poiché il finlandese Pauli Nevala ha raggiunto gli 82,66 metri pochi minuti dopo, terminando in prima posizione davanti all’ungherese.

I Campionati Europei del 1966 si disputarono in casa a Budapest e Kulcsar finì ancora una volta sul podio, lanciando 80,54 m per prendere la medaglia di bronzo.

Per la terza volta consecutiva, Kulcsar finì tra le medaglie alle Olimpiadi del 1968 a Città del Messico.

Come a Tokyo quattro anni prima, Kulcsar ha preso il comando nel quarto turno con un PB, questa volta lanciando un ottimo 87,06 m. È rimasto in vantaggio fino al round finale, quando Lusis (90,10 m) e il finlandese Jorma Kinnunen (88,58 m) lo hanno superato, lasciando Kulcsar con la medaglia di bronzo.

Sebbene quella fosse l’ultima medaglia internazionale della sua carriera, Kulcsar finì quarto ai Campionati Europei del 1969 e, all’età di 38 anni, perse per un soffio la finale alle Olimpiadi del 1972 prima di ritirarsi alla fine di quella stagione.

Avendo lavorato come insegnante di educazione fisica e professore all’inizio della sua carriera, è diventato un allenatore a tempo pieno dopo il ritiro dall’atletica competitiva e ha guidato Miklos Nemeth all’oro olimpico nel 1976.

È stato allenatore di grandi lanciatori ungheresi fino al 1980 e poi ha assunto ruolo simile in Kuwait dal 1981 al 1993.

Sentite condoglianze da parte di sprintnews.it alla famiglia di Gergelyi in questo momento doloroso.

Fastweb Fibra