Filippo Tortu (foto FIDAL)
Filippo Tortu (foto FIDAL)
FASTWEB

Come anticipato da giorni e confermato nel nostro articolo di ieri, dal 4 maggio tutti gli atleti, di interesse nazionale riconosciuto dal Coni, di sport individuali, potranno tornare ad allenarsi negli impianti sportivi preposti oppure anche in giro, nei boschi o sulle strade, nel caso ad esempio di corridori o ciclisti.

Se andate a cliccare sulla parola “sport individuale” potrete vedere come ne esistano veramente tanti e, ad ognuno di questi, sono ovviamente associati tantissimi campioni con palmares molto importanti.

Tra tutti questi campioni, ce ne sono due che in queste ultime settimane, e in particolare negli ultimi giorni, sono stati mediaticamente esposti su ogni organo di informazione, sia televisiva che cartacea piuttosto che on line: Federica Pellegrini e Filippo Tortu.

Ma se il continuo riferimento alla “divina” nuotatrice veneta appare assolutamente scontato, l’identificazione del giovane velocista azzurro, di Costa Lambro, risulta essere una grande, piacevolissima sorpresa, perché permette che venga data una enorme visibilità ed esposizione mediatica ad uno sport, quale l’Atletica Leggera, troppo spesso dimenticato negli ultimi anni.

Non so, esattamente, e non sarei la persona più oggettiva per spiegarlo, il perché di così tanta notorietà, benché l’Atleta non abbia ancora realmente conquistato un podio in una manifestazione internazionale assoluta.

Di certo i 100 metri sono la disciplina più affascinante e seguita dell’Atletica, di certo l’Atletica è la Regina degli Sport Olimpici, di certo battere un record vecchio 39 anni di Pietro Mennea ha destato scalpore, unitamente al fatto che solo 3 uomini bianchi al mondo sono andati sotto i 10 secondi, nella storia infinita dell’Atletica.

Il resto sono solo valutazioni personali, simpatie o, anche, antipatie ma resta il fatto oggettivo che questo ragazzo viene, oggi, rappresentato a tutta Italia quale l’immagine positiva di un movimento sportivo, quello individuale, che sta ripartendo e questo ci riempie di orgoglio in nome delle sport, l’Atletica Leggera, che tanto amiamo.

 

Sport OK Junior