Luminosa Bogliolo (foto Colombo Fidal)
Luminosa Bogliolo (foto Colombo Fidal)
FASTWEB

Se il buongiorno si vede dal mattino, l’esordio stagionale di Luminosa Bogliolo su una distanza non sua, i 60 piani indoor senza barriere, fa molto ben sperare per l’anno appena cominciato.

Si sapeva che, durante il primo ciclo di preparazione, Lumi avesse lavorato molto sulla forza esplosiva e i risultati si sono visti nella sua prima gara dell’anno, dove ha ottenuto il suo personale sulla distanza correndo in 7″54, tempo molto buono per una non specialista e che migliora di ben 13 centesimi il suo precedente miglior tempo, sia pur del 2017.

La gara della decima edizione del meeting nazionale Calvesi Sprint & Hurdles, ad Aosta, la vince, in realtà, la ventenne Chiara Melon (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), campionessa tricolore under 23, che in 7″50 ritocca il personale di 7.53 stabilito un anno fa.

In evidenza sempre nel meeting valdostano, nei 60 ostacoli, il giovane Mattia Montini che si migliora in due occasioni, prima a 7″81 e poi fino a un notevole 7″75, a soli due centesimi dalla migliore prestazione italiana della categoria promesse che appartiene dal 1991 a Laurent Ottoz con 7″73.

Tra le donne da segnalare, nei 60 hs, il secondo posto della vicecampionessa europea under 23, dei 400hs, Linda Olivieri (Fiamme Oro) con 8″73.

Fastweb Fibra