Straneo debutta nella corsa in montagna

La primatista italiana della maratona pronta per un nuovo capitolo della sua esaltante carriera agonistica

FASTWEB

Domani 31 ottobre a Chiavenna (Sondrio), dopo vari rinvii dovuti alla grave pandemia mondiale, torna una grande manifestazione di corsa in montagna dedicata alle squadre nazionali, la WMRA Nations Cup.

Si riparte con l’obiettivo sulla prossima stagione, che dovrebbe vedere i campionati del mondo organizzati, a metà febbraio, in Thailandia se non dovesse subentrare qualche altro impedimento di carattere sanitario.

Sui sentieri di casa, intanto, sono attesi in gara 15 team e circa 100 atleti tra cui, ci perdonino tutti gli altri, la massima attenzione andrà su Valeria Straneo, primatista italiana di maratona oltre che argento mondiale 2013 ed europeo 2014, pronta ad aprire, a 45 anni, l’ennesimo capitolo della sua straordinaria carriera.

Per l’azzurra che, dopo la delusione di non essere riuscita a qualificarsi per la maratona olimpica giapponese, aveva dichiarato l’abbandono di quel tipo di competizione, non sarà proprio un debutto su questa affascinante disciplina in quanto aveva vinto, nel 2011, un tricolore di staffetta, ma non aveva mai indossato la maglia azzurra.

In ogni caso la leader stagionale italiana è Francesca Ghelfi che per tutto il 2021 ha dominato su ogni terreno, firmando una tripletta di titoli italiani (format classico, lunghe distanze e staffetta), con forti miglioramenti anche sulla corsa in piano con l’unica incognita data dalla stanchezza che l’atleta potrebbe avere, dopo una stagione molto impegnativa.

Francesca Ghelfi con la sorella Erica (foto Gulberti)
Francesca Ghelfi con la sorella Erica (foto Gulberti)

Le altre due azzurre della squadra saranno Alice Gaggi e Cecilia Basso, entrambe reduci da una stagione in costante progresso

Gli azzurri della gara maschile

Tutti all’esordio con la maglia azzurra dei “grandi” i quattro atleti selezionati, a cominciare dal campione italiano promesse Luca Merli e poi da Marco Filosi, Lorenzo Cagnati e Daniel Pattis.

La Nations Cup sarà quindi, per gli uomini italiani, un’opportunità per allargare il giro della nazionale visto che i big, quali il vicecampione del mondo Cesare Maestri (di recente al personale nella mezza maratona) e Xavier Chevrier, sono più concentrati nella preparazione del prossimo appuntamento iridato.

Sport OK Junior