Sasha Zhoya corre i 110 ostacoli in 12”98 con vento a favore

Grande prestazione del francese. Oggi la terza giornata degli Europei Juniores

FASTWEB

Il fenomeno francese Sasha Zhoya ha vinto la semifinale dei 110 ostacoli, dei Campionati Europei Under 20, in un eccellente 12”98 un centesimo di secondo meglio rispetto al primato del mondo under 20 con ostacoli da 99 cm detenuto dal connazionale Wilhelm Belocian e dal giamaicano Damion Thomas, ma il tempo non può venire omologato a causa del vento a favore oltre la norma di +2.4 m/s.

L’altro favorito per le medaglie Matthew Sophia ha il secondo miglior tempo tra gli ammessi alla finale con 13”44. Il lombardo Samuele Maffezzoni ha sfiorato per un solo centesimo di secondo l’ingresso in finale con 13”84.

Il ligure Riccardo Berrino si è piazzato al sesto posto nella sua batteria in 13”95 dopo il personale di 13”94 realizzato in batteria.

Sasha Zhoya: “Per noi ostacolisti il vento a favore non è un grande vantaggio. Dobbiamo accettarlo e sperare in condizioni migliori per la finale di domani. Arrivo sempre molto vicino agli ostacoli e posso correre più velocemente senza vento o persino con vento contrario. Per me l’ideale sarebbe un vento a favore di +0.3 m/s o -0.3 m/s”.

Lorenzo Simonelli ha vinto la sua semifinale dei 110 ostacoli migliorando il record personale di un decimo con 13”48 con vento leggermente contrario di -0.1 m/s. L’ostacolista romano è salito al secondo posto delle liste italiane under 20 all-time.

Soltanto Lorenzo Perini ha corso più velocemente nella storia con 13”30 realizzato in occasione della medaglia d’argento vinta agli Europei Juniores di Rieti del 2013 alle spalle del francese Wilhelm Belocian.

Lorenzo Simonelli: “Dopo aver rischiato di cadere in batteria, non mi sono demoralizzato e ho corso bene. In finale cercherò di fare ancora meglio”.

Lorenzo Simonelli (foto FIDAL)
Lorenzo Simonelli (foto FIDAL)

La diciannovenne svizzera Ditaji Kambundji (sorella minore di Mujinga Kambundji) ha stabilito il primato dei campionati vincendo la batteria dei 100 ostacoli con 13”09 e si è migliorata ancora in semifinale con 13”01.

Il precedente primato della manifestazione era detenuto dall’ucraina Yelena Krasovska dal 2009. Ditaji ha vinto il titolo svizzero assoluto e il meeting di Lucerna.

Ditaji Kambundji: “Volevo correre in semifinale esattamente come nella batteria mattutina. L’obiettivo era correre una buona gara, rimanere concentrata e rilassata. Ho spinto un po’ più forte. E’ una buona pista e le condizioni climatiche sono ottime. Sono sicura che mia sorella mi sta guardando. Sarà davvero orgogliosa di me”.

L’irlandese Rhasidat Adeleke ha vinto la finale dei 100 metri femminili in 11”34 seguendo le orme della connazionale Gina Akpe Moses, che conquistò la vittoria su questa distanza quattro anni fa a Grosseto. L’atleta di origini nigeriane ha preceduto la serba Ivana Ilic (11”42) e la britannica Joy Eze (11”44).

Rhasidat Adeleke: “Sono felice di aver corso costantemente sui miei livelli dopo una lunga stagione NCAA e di aver reso orgoglioso il mio paese”.

Adeleke ha corso successivamente la batteria dei 200 metri in 23”20 ed è la favorita anche sulla doppia distanza. In caso di successo potrebbe diventare la prima velocista in grado di realizzare la doppietta agli Europei Under 20 sui 100 e sui 200 metri dal 2011 quando la britannica Jodie Williams trionfò su entrambe le distanze sempre a Tallin.

Adeleke si allena in Texas sotto la guida del coach canadese ed ex saltatore Edrick Floreal, che segue anche la primatista del mondo dei 100 ostacoli Kendra Harrison.

Matteo Melluzzo ha vinto la prima medaglia per la squadra italiana ai Campionati Europei Under 20 di Tallin classificandosi al terzo posto nella finale dei 100 metri nella finale dei 100 metri in 10”31, suo secondo miglior tempo in carriera.

Matteo Melluzzo (foto Lackner/FIDAL)
Matteo Melluzzo (foto Lackner/FIDAL)

Il talento britannico Toby Makoyawo ha conquistato la medaglia d’oro in 10”25 eguagliando la migliore prestazione europea under 20 dell’anno stabilita da Melluzzo lo scorso 13 Maggio al Memorial Giulio Ottolia di Savona.

Il diciassettenne francese Jeff Erius si è confermato come uno dei maggiori talenti europei vincendo l’argento in 10”27, suo secondo primato europeo under 18 di questi campionati.

Lorenzo Benati ha conquistato la medaglia d’argento sui 400 metri migliorando il record personale di tre centesimi di secondo con 46”27. La medaglia d’oro è stata vinta dal britannico Edward Faulds in un eccellente 45”72, mentre il bronzo è andato al norvegese Havard Bentdal Ingvaldsen in 46”70.

Lorenzo Benati (foto FIDAL/FIDAL)
Lorenzo Benati (foto FIDAL/FIDAL)

La polacca Konelia Lesiewicz ha conquistato la medaglia d’oro sui 400 metri femminili in 52”46. La bresciana Alexandra Almici si è classificata all’ottavo posto nella finale dei 400 metri femminili con 55”06 dopo aver migliorato il record personale con 54”51 nella prima giornata.

Kornelia Lesiewicz: “Sono stanca dopo aver corso tre gare in due giorni. Ho corso una gara davvero veloce per me. I miei genitori sono venuti a vedermi e ho provato una grande emozione. Correrò la staffetta alle Olimpiadi. Ci sono molte atlete forti in Polonia. La mia amica Natalia Kazmarek ha fatto un miglioramento enorme correndo i 400 metri in 50”70. Ha cinque anni in più di me. Io ho appena 17 anni e tra un anno sarò ancora junior”.

Saga Vanninen ha vinto l’eptathlon femminile con 6271 punti migliorando il record personale di oltre 400 punti. Vanninen non aveva mai superato la barriera dei 6000 punti nella sua carriera prima di questi campionati.

La finlandese sale al primo posto delle liste mondiali stagionali e al nono posto nelle graduatorie mondiali all-time davanti alla campionessa mondiale Katarina Johnson Thompson e della vincitrice del titolo mondiale under 20 Niamh Emerson. Ha appena compiuto 18 anni e sarà junior anche nel 2022.

Vanninen diventa la quarta di sempre a livello finlandese dopo Satu Ruotsalainen (6404 punti), Tia Haautala (6369 punti) e Maria Huntington (6339 punti).

Nel corso della seconda giornata Vanninen ha stabilito il personale nel salto in lungo con 6.34m prima di vincere il lancio del giavellotto con 47.01m. Nella prova conclusiva degli 800 metri la finnica ha stabilito il suo quarto primato personale con 2’24”62.

La nordica ha vinto con oltre 300 punti di vantaggio sull’olandese Sofie Dokter (5878 punti). La tedesca Marie Dehning ha vinto la medaglia di bronzo con 5778 punti precedendo la connazionale Serina Reidel (5730 punti). Le prime dieci della classifica hanno stabilito il loro primato personale.

Saga Vanninen: “Sarei stata contenta di qualunque medaglia. Vincere l’oro è un sogno che si avvera”.

La veneta Greta Brignolo si è classificata al quinto posto nel salto triplo femminile con 13.49m con vento a favore nella norma di +1.9 m/s. La svedese Askag ha conquistato la medaglia d’oro con l’ottima misura di 14.05m davanti alla russa Valeryia Volovlikova (13.65m) e alla lettone Darja Sopova (13.62m)

Greta Brugnolo: “Sono contenta di come ho reagito dopo i primi tre salti. Mi sono detta che non avevo niente da perdere”.

Benedetta Benedetti ha migliorato il record personale nel lancio del disco femminile di due metri e mezzo con 51.12m.

Lorenzo Cagliero si è classificato al decimo posto migliorando il record personale con 7.44m nella finale del salto in lungo. Il tedesco Oiver Kolezko ha vinto la medaglia d’oro con 7.98m davanti a Bryan Mucret (7.93m) e a Erwan Konate (7.91m).

Sui 200 metri maschili si sono qualificati per la semifinale Federico Guglielmi (vincitore della sua batteria in 21”17) e Federico Cappelletti (21”25). Alessandra Iezzi si è migliorata sui 200 metri femminili con 23”97.

La finlandese SIlja Kosonen si è qualificata per la finale del lancio del martello femminile con 68.75m migliorando il record dei campionati detenuto dalla romena Bianca Perie con 68.59m dal 2009. Kosonen ha stabilito la migliore prestazione mondiale all-time juniores con 73.43m durante questa stagione.

Silja Kosonen: “Ho sorpreso me stessa con questo grande lancio. L’obiettivo era semplicemente realizzare la qualificazione per la finale al primo tentativo. Mi sento molto preparata. Non voglio mettere troppa pressione su me stessa. Non voglio pensare troppo al record del mondo. Il mio allenatore e la mia famiglia verranno domani ed è positivo pensare che saranno qui per sostenermi”.

Tutti i risultati

La giornata odierna degli azzurri

Sessione mattutina

9.30
8.30
Disco
M
Qualificazione Gruppo A
9.35
8.35
100m
M
Decathlon
SION
10.05
9.05
10.000m marcia
M
Finale
BRIGANTE, GAMBA, LOMUSCIO
10.30
9.30
Lungo
M
Decathlon
SION
10.35
9.35
Peso
F
Qualificazione
BARTOLINI, MUSCI, OMOVBE
10.50
9.50
Disco
M
Qualificazione Gruppo B
11.30
10.30
4x400m
F
Batterie
ITALIA
11.50
10.50
Lungo
F
Qualificazione
AMANI, BATTISTELLA, SMERALDO
11.55
10.55
4x400m
M
Batterie
ITALIA
12.00
11.00
Peso
M
Decathlon
SION
12.15
11.15
Giavellotto
F
Qualificazione Gruppo A
13.20
12.20
Giavellotto
F
Qualificazione Gruppo B

Sessione pomeridiana

15.00
14.00
400mHs
F
Semifinali
GHERGO
15.05
14.05
Alto
M
Decathlon
SION
15.05
14.05
Martello
F
Finale
MORI
15.20
14.20
400mHs
M
Semifinali
GANZ, SANTORO
15.30
14.30
Asta
F
Finale
15.40
14.40
200m
F
Semifinali
IEZZI, VISENTIN
16.00
15.00
200m
M
Semifinali
CAPPELLETTI, GUGLIELMI
16.25
15.25
800m
M
Semifinali
PERNICI
16.40
15.40
Peso
F
Finale
ev. Bartolini, Musci, Omovbe
16.45
15.45
100mHs
F
Finale
17.00
16.00
110mHs
M
Finale
SIMONELLI
17.15
16.15
800m
F
Finale
17.30
16.30
3000mSt
F
Finale
PATTIS
17.35
16.35
Alto
M
Finale
FURLANI
17.55
16.55
200m
F
Finale
ev. Iezzi, Visentin
18.05
17.05
200m
M
Finale
ev. Cappelletti, Guglielmi
18.13
17.13
Giavellotto
M
Finale
FRATTINI
18.15
17.15
400m
M
Decathlon
SION
18.35
17.35
1500m
M
Finale
18.37
17.37
Triplo
M
Qualificazione
BRUNO, FABBRI
18.46
17.46
3000m
F
Finale
GRADIZZI
19.05
18.05
3000m
M
Finale

 

Sport OK Junior