Steiner vola sui 200 indoor: 22″09

Straordinario crono per la 22enne velocista bianca che le vale il record statunitense, e la seconda prestazione di sempre sulla distanza al coperto.

FASTWEB

Abby Steiner è diventata la seconda sprinter della storia sui 200 metri femminili a livello indoor con 22”09 alle South Eastern Conference di College Station in Texas.

Steiner ha anche battuto il record statunitense, mentre a livello mondiale soltanto la giamaicana Merlene Ottey ha fatto meglio stabilendo il primato mondiale a Liévin nel 1993 con 21”87.

La studentessa della University of Kentucky ha battuto la nigeriana Favour Ofili, che ha battuto il primato africano correndo in 22”46. Il giorno prima Steiner e Ofili avevano vinto le loro rispettive batterie con 22”44 e 22”61.

Anna Hall ha vinto il pentathlon stabilendo la migliore prestazione mondiale dell’anno con 4618 punti. La ventenne statunitense ha aperto la gara con 8”33 sui 60 ostacoli prima di superare 1.79m nel salto in alto. Nelle restanti tre prove ha realizzato 12.85m nel getto del peso, 5.99m nel salto in lungo e 2’05”33 negli 800 metri. Shayla Broughton si è piazzata al secondo posto con 4260 punti.

Mercy Chelangat ha battuto il primato della manifestazione sui 5000 metri femminili con 15’43”64. Patrick Kiprop si è aggiudicato la gara analoga a livello maschile con 13’49”09.

Carey McLeod ha superato gli 8 metri nel lungo maschile con 8.07 battendo il fenomeno Matthew Boling (7.90m). Boling è stato il più veloce nelle batterie dei 60 metri maschili con 6”59 prima di conquistare la vittoria nella finale in 6”64.

Lance Lang si è messo in luce vincendo i 200 metri uomini in 20”32 dopo essersi classificato terzo sui 60 metri in 6”69.

Alia Armstrong ha fermato il cronometro in 7”11 sui 60 metri femminili. Abby Steiner si è classificata al terzo posto in 7”19 un’ora prima di correre i 200 metri in 22”09.

Jasmine Moore ha messo a segno la doppietta vincendo il salto in lungo femminile con 6.75m e il salto triplo con 14.11m.

Super crono di Trey Cunningham sui 60 metri ostacoli

Trey Cunningham ha migliorato il primato personale sui 60 metri ostacoli maschili con 7”40 in batteria prima di vincere la finale in 7”42.

Lo studente della Florida State University è il tredicesimo nelle liste mondiali di sempre e il secondo al mondo in questa stagione a cinque centesimi dalla migliore prestazione mondiale dell’anno di Grant Holloway, che ha corso in 7”35 a Liévin.

Sport OK Junior