Browing vince i 100 metri in 10”05 al meeting di Brisbane

Grande crono del velocista nella tappa australiana del Continental Tour Silver

FASTWEB

Il velocista Rohan Browning, l’astista Nina Kennedy e le mezzofondiste Catriona Bisset e Linden Hall hanno fatto registrare i risultati più interessanti del Queensland Track Classic di Brisbane, tappa australiana del Continental Tour Silver.

Browning ha corso la batteria dei 100 metri in 10”14 in batteria prima di vincere la finale in 10”05 davanti al giovane figlio d’arte neozelandese Eddie Osei Nketia (10”14) con vento regolare di +1.0 m/s.

Browning potrebbe essere il primo sprinter australiano a gareggiare sui 100 metri alle Olimpiadi dall’edizione di Atene 2004.

Kennedy supera 4.75m nell’asta

Nina Kennedy si è confermata su grandi livelli vincendo il salto con l’asta femminile con 4.75m al primo tentativo poche settimane dopo aver stabilito il primato australiano con 4.82m.

Nina Kennedy (foto World Athletics)
Nina Kennedy (foto World Athletics)

Bisset e Hall scendono sotto i 2 minuti sugli 800 metri

Cartiona Bissett e Linden Hall sono scese sotto i 2 minuti sugli 800 metri femminili fermando il cronometro rispettivamente in 1’59”12 e 1’59”22. Entrambe sono scese al di sotto dello standard di qualificazione per le Olimpiadi di Tokyo.

La quindicenne Claudia Hollingsworth (atleta allenata dal grande mezzofondista australiano Craig Mottram) si è classificata al terzo posto in 2’01”60.

Peter Bol ha proseguito la sua striscia vincente aggiudicandosi gli 800 metri maschili in 1’45”48 ma ha mancato di poco il minimo per le Olimpiadi di Tokyo.

Starc 2.29m nel salto in alto

Bandon Starc (campione dei Giochi del Commonwealth 2018) ha superato 2.29m nel salto in alto ma ha commesso tre errori alla misura del minimo olimpico di 2.33m.

La finalista mondiale 2019 Brooke Stratton è tornata alle gare nel salto in lungo femminile dopo un infortunio vincendo con 6.63m.

La campionessa mondiale di Berlino 2009 Dani Stevens ha vinto la seconda gara stagionale del lancio del disco con 62.22m battendo la britannica Jade Lally (58.24m).

L’iridata del lancio del giavellotto in carica Kelsey Lee Barber si è classificata al terzo posto con 57.74m alle spalle della neozelandese Tori Peeters (59.25m) e di Mackenzie Little (59.13m).

Ben Buckingham si è imposto sui 3000 siepi maschili in 8’27”39 davanti a James Nipperess (8’31”97) e Matthew Clarke (8’32”71).

Nick Hough e Liz Clarke hanno mantenuto la loro supremazia a livello australiano nelle gare ad ostacoli. Hough si è imposto sui 110 ostacoli in 13”51 battendo Nicholas Andrews (13”59).

Liz Clay è scesa sotto i 13 secondi sui 100 ostacoli con 12”98 precedendo Hannah Jones (13”07). Clay, allenata da Shannon Hannan, si è migliorata nel corso di questa stagione con 12”72.

Hanna Basic ha corso la batteria dei 100 metri femminili in 11”18 e la finale in 11”19 diventando la quarta sprinter australiana di tutti i tempi dietro a Raelene Boyle, Kerry Johnson e a Cathy Freeman.

Titoli australiani di marcia per Montag e Cowley

Jemima Montag e Rhydian Cowley si sono aggiudicati i titoli nazionali sui 20 km. Montag ha migliorato il record personale di oltre due minuti con 1h28’50 diventando la seconda marciatrice australiana di sempre dopo Jane Saville. Cowley si è imposto nella gara maschile in 1h22’28 davanti a Kyle Swan (1h24’08”).

Nei giorni scorsi il grande marciatore australiano Jared Tallent ha annunciato la decisione di ritirarsi dopo una straordinaria carriera che lo ha visto vincere il titolo olimpico sulla 50 km di marcia a Londra 2012, due argenti sulla stessa distanza a Pechino 2008 e a Rio 2016 e il bronzo nella 20 km a Pechino 2008 e tre argenti sulla 50 km ai Mondiali di Daegu 2011, Mosca 2013 e Pechino 2015.

Sport OK Junior