Tortu-Simbine-Abeykoon (©Ti-Press / Alessandro Crinari)
Tortu-Simbine-Abeykoon (©Ti-Press / Alessandro Crinari)
FASTWEB

La magica notte del Galà dei Castelli di Bellinzona esalta Filippo Tortu, Luminosa Bogliolo e la beniamina locale Ajla Del Ponte e regala gli 800 metri femminili più veloci al mondo in questa stagione.

Non poteva esserci compleanno migliore per la decima edizione del meeting organizzato da Alessandro Lafranchi, Enrico Cariboni e Beat Magyar nonostante le tante difficoltà legate alla pandemia.

Akani Simbine ha vinto il duello con Filippo Tortu negli attesissimi 100 metri sulla pista dello Stadio Comunale di Bellinzona in 10”02 con vento leggermente contrario di -0.2 m/s.

Entusiasma anche Tortu, che firma il miglior crono europeo della stagione con 10”07 (quinto miglior tempo in carriera).

Con questa prestazione il primatista italiano dei 100 metri ha superato il campione tedesco Deniz Almas di un centesimo di secondo in cima alle liste continentali del 2020. Filippo ha corso esattamente il tempo che gli permise di classificarsi settimo nella finale dei Mondiali di Doha dell’anno scorso.

Il velocista dello Sri Lanka Yupun Abeykoon si è confermato classificandosi terzo in 10”24 una settimana dopo il 10”16 realizzato a Dessau. Abeykoon vive e si allena a Roma sotto la guida di Claudio Licciardello.

Sotto il video dell’intervista rilasciata in esclusiva per sprintnews.it dopo la gara.

100 metri femminili

La star ticinese Ajla Del Ponte ha coronato la splendida stagione vincendo i 100 metri davanti al pubblico di casa in 11”18 davanti alle giovani britanniche Kristal Awuah (11”33) e Amy Hunt (11”41) e alla due volte campionessa mondiale dei 200 metri Dafne Schippers (11”42).

Ajla Del Ponte: “E’ una sensazione completamente diversa vincere nel meeting di casa. Il pubblico mi ha dato molta energia. Vincere davanti alle persone a me care non capita tutti i giorni. C’erano i miei amici, la mia famiglia e il mio primo allenatore. Mi sento dolorante dopo le tante gare di quest’anno ma se riesco a conservare l’energia di oggi anche giovedì a Roma, potrebbe essere un’altra bella gara”.

100 ostacoli femminili

La campionessa europea indoor Nadine Visser ha battuto per la seconda volta Luminosa Bogliolo in questa stagione in un fantastico testa a testa sui 100 ostacoli fermando il cronometro in 12”79 con tre centesimi di vantaggio sulla tre volte campionessa italiana.

Il 12”82 con il quale la ligure ha tagliato il traguardo è il quinto crono della carriera, a quattro centesimi di secondo dal record personale e a sei dal record italiano detenuto da Veronica Borsi.

Visser aveva già battuto Bogliolo al meeting di Turku stabilendo la migliore prestazione mondiale dell’anno con 12”68. Il duello si ripeterà Giovedì sera all’Olimpico di Roma in occasione del Golden Gala. Brava anche la friulana Giada Carmassi, quarta in 13”30 (a sei centesimi dal personale).

Luminosa Bogliolo: “Come prima parte di gara è andata bene, però in fondo ho colpito l’ottavo ostacolo e non ho avuto la forza di reagire. Mi sono fatta sbilanciare dalla botta. Spero di rifarmi a Roma”.

200 metri femminili

La campionessa italiana 2020 Dalia Kaddari ha migliorato il primato italiano under 20 sui 200 metri femminili fermando il cronometro in 23”23, due centesimi meglio rispetto al precedente record nazionale di categoria stabilito da Vincenza Calì in occasione dei Mondiali Under 20 di Kingston nel 2002.

La sprinter di Quartu Sant’Elena si è classificata al terzo posto alle spalle delle olandesi Lieke Klaver (22”96) e Marije Van Hunsnstjin (23”01).

Dalia Kaddari: “Era il mio primo meeting all’estero e non era facile gestire tutte le emozioni, ma ce l’ho fatta. Mi sono anche piaciuta. Ho rivisto il video della gara e ho corso come volevo, su una pista veramente veloce Questa è la vera atletica. Che bello scaldarsi e avere al proprio fianco tutti questi atleti di livello. Ora gareggerò ai Campionati Italiani Juniores di Grosseto del prossimo fine settimana”.

Quattro atlete sotto l’1’59 negli 800: W.L. per Hedda Hynne

La norvegese Hedda Hynne ha vinto il secondo 800 metri femminile in sette giorni migliorando ancora il record nazionale con un eccellente 1’58”10, tempo con il quale ha cancellato il miglior crono mondiale detenuto da Jemma Reekie.

Nel più grande 800 metri stagionale ben quattro atlete sono scese sotto la barriera degli 1’59”.

La svizzera Selina Buchel si è fatta un bel regalo per le nozze di domani correndo il secondo tempo della sua carriera con 1’58”37 prendendosi la rivincita nei confronti della connazionale Lore Hoffmann, che si è migliorata di due secondi stabilendo il secondo crono elvetico della storia. Jemma Reekie si è classificata quarta in 1’58”87.

Selina Buchel: “Sono davvero felice. E’ stata una gara davvero veloce. Ho spinto al massimo delle mie possibilità. E’ un bel regalo in vista del matrimonio. Da domani mi chiamo Selina Rutz”.

400 metri maschili: Il ritorno alla vittoria di Van Niekerk

Wayde Van Niekerk ha vinto il suo primo 400 metri in Europa dal 2017 con una gara in rimonta che gli ha permesso di recuperare dalla quinta alla prima posizione sul rettilineo finale. Il sudafricano ha tagliato il traguardo in 45”58 davanti all’olandese Jochem Dobber (45”78).

Soddisfazione per il ticinese Ricky Petrucciani, quarto con il record personale (46”15).

Wayde Van Niekerk: “E’ stata una gara difficile. Gli altri ragazzi sono partiti forte e ho dovuto recuperare nel finale. Volevo dimostrare di essere ancora vivo dopo una lunga assenza. Sono stato in isolamento 28 giorni per il problema legato al Covid e ho dovuto riniziare la preparazione da zero.”

400 ostacoli femminili: Bol batte Sprunger

La leader mondiale stagionale Femke Bol si è confermata ad alti livelli vincendo i 400 ostacoli battendo la compagna di allenamento Lea Sprunger, che ha migliorato il personale stagionale con 54”98.

Aaron Mallett si è aggiudicato i 110 ostacoli con il personale di 13”34 davanti al primatista e campione svizzero Jason Joseph (13”40). Paolo Dal Molin ha avvicinato il personale stagionale con 13”64 al rientro dopo un mese di stop per un problema all’adduttore.

Randazzo quinto nel salto in lungo

Il siciliano Filippo Randazzo si è classificato quinto nel salto in lungo con 7.84m. Il successo è andato al finlandese Kristian Pulli con 8.08m davanti al sudafricano Rushval Samaai (8.04m) e al campione del mondo Tajay Gayle (7.99m).

Girma vince in volata sui 1500 metri maschili

Il vice campione del mondo dei 3000 siepi Lemecha Girma si è imposto in volata in 3’35”67 precedendo di due centesimi di secondo il britannico Piers Copeland, mentre il terzo posto è andato al vice campione del mondo dei 5000 metri Selemon Barega in 3’36”07 davanti a Marcin Lewandowski (3’36”44).

L’azzurro Joao Bussotti ha migliorato il personale stagionale con 3’38”04 in ottava posizione precedendo l’altro italiano Yassin Bouih, che ha stabilito il personale per il secondo anno consecutivo a Bellinzona con 3’38”53 superando Mohad Abdikadar, decimo con il personale stagionale (3’38”90).

Meijer vince l’asta femminile con 4.70m

Roberta Bruni si è classificata quinta nel salto con l’asta con 4.20m e ha sbagliato tre prove a 4.35. La svedese Michaela Meijer si è imposta con 4.70m davanti alla campionessa europea under 23 Angelica Moser (4.60m). Meijer ha tentato una prova a 4.85m

Personale per Dario Dester sui 400 ostacoli

Il campione italiano del decathlon Dario Dester si è migliorato di due decimi di secondo nella seconda serie dei 400 ostacoli con 51”56. Il francese Ludvy Vaillant ha vinto la prima serie in 49”22 precedendo il vincitore delle ultime due edizioni David Kendziera (49”67).

Il video dell’intervista esclusiva a Yupun Abeykoon

Fastweb Fibra