Keely Hodgkinson (foto Athletics Weekly)
Keely Hodgkinson (foto Athletics Weekly)
FASTWEB

La campionessa europea under 18 in carica Keely Hodgkinson ha aperto con il botto la stagione al coperto stabilendo il primato mondiale under 20 degli 800 metri con l’eccellente tempo di 1’59”03 nel meeting Indoor Track and Field al Dusika Stadium di Vienna.

Il precedente primato mondiale era detenuto dall’etiope Meskerem Legesse, che nel 2004 fermò il cronometro in 2’01”03. Hodgkinson è andata in testa ai 300 metri prima di transitare in 1’28”83 alla campana dell’ultimo giro.

Keely Hodgkinson: “E’ stata una gara perfetta. Non sono mai passata alla campana dell’ultimo giro così velocemente, ma ho cercato di non farmi prendere dal panico. Non avrebbe potuto andare meglio. Sono davvero felice”.

La diciottenne britannica aveva già stabilito il record europeo under 20 con 2’01”16 nell’edizione dell’anno scorso del meeting austriaco.

Eccellente prova anche per Irene Baldessari, che si è classificata terza correndo la distanza in 2’02”71 diventando la terza italiana di sempre a livello indoor dopo Elisa Cusma (1’59”25) e la campionessa olimpica dei 1500 metri di Los Angeles 1984 Gabriella Dorio (2’00”85 nel 1982).

Questa prestazione vale inoltre lo standard di qualificazione per gli Europei di Torun. Irene ha corso più velocemente soltanto in occasione della vittoria ai Campionati Italiani assoluti all’aperto di Pescara nel 2018 in 2’02”47.

A livello indoor aveva un record di 2’04”07 realizzato in un altro meeting austriaco a Linz. Baldessari è allenata da Gianni Ghidini, che in passato guidò Andrea Benvenuti e Wilfried Bungei e ora segue Amel Tuka.

La lombarda Serena Troiani si è piazzata al settimo posto in 2’06”13.

Irene Baldessari: “Al traguardo non ci credevo. Un risultato come questo lo aspettavo da un paio di anni. Sono veramente contenta. Ad un certo punto ero addirittura ultima, ma ho tenuto il mio passo e sono riuscita a recuperare nel finale.

Ho lavorato bene durante l’inverno a Bussolengo con il mio allenatore Gianni Ghidini, ma anche a casa con mio papà Franco. Nelle ultime due stagioni ho avuto alcuni problemi fisici ma devo ringraziare chi ha creduto in me: l’Esercito, il mio coach, la famiglia e il mio compagno Emilio Perco, che mi segue come fisioterapista e sposerò a Settembre”.

Lo scoppiettante meeting di Vienna ha fatto registrare la migliore prestazione mondiale dell’anno di Femke Bol sui 400 metri con 50”96. Davvero un grande risultato per la ventenne olandese, che lo scorso anno realizzò il miglior crono mondiale dell’anno sui 400 ostacoli con 53”79 e vinse al Golden Gala in questa specialità.

La compagna di allenamenti Liemke Klaver (prima al Golden Gala sui 400 metri) si è migliorata a sua volta correndo in 51”46. Notevole il passaggio di Klaver ai 200 metri in 23”60, più veloce rispetto al personale indoor sulla distanza più breve.

La siciliana di Niscemi Alice Mangione (campionessa italiana outdoor a Padova nel 2020) ha esordito con la maglia dell’Esercito correndo in un buon 53”71 una settimana dopo aver debuttato in questa stagione con 53”18 sulla pista del Palaindoor di Ancona.

Più tardi nel pomeriggio Bol è tornata in pista per correre i 200 metri dove ha migliorato il record personale in 23”52.

In un’altra serie Klaver ha polverizzato il record nazionale di Els Vader con 23”17.

Liemke Klaver: “Sono contenta di aver battuto questo vecchio record. Mi ricordo di aver sentito parlare di questo primato quando ero bambina. Non vedo l’ora di incontrare Els Vader”.

L’ungherese Istvan Szogi ha migliorato il record nazionale indoor sui 1500 metri con 3’37”55. Il britannico Jamie Webb ha vinto gli 800 metri stabilendo il record personale indoor con 1’46”95.

Almgren batte il primato svedese sui 3000 metri

Il mezzofondista svedese Andreas Almgren ha stabilito il primato nazionale sui 3000 metri correndo la distanza in un ottimo 7’41”60 a Sollentuna, cittadina a pochi chilometri da Stoccolma.

Almgren deteneva il precedente primato con 7’48”34 dalla stagione indoor dello scorso anno. La prestazione dello scandinavo si colloca al secondo posto nelle liste europee e al quinto posto di quelle mondiali del 2021.

Sport OK Junior