Elisabetta Artuso (foto ilgiunco.net)
Elisabetta Artuso (foto ilgiunco.net)
FASTWEB

Parliamo sempre di Atleti, come è giusto che sia, perché sono loro i protagonisti, coloro che, con le loro imprese, appassionano tanti tifosi e sono da esempio e stimolo per tanti giovanissimi che vogliano affacciarsi a questo meraviglioso sport, in cui ci sono tantissime discipline in cui mettersi in gioco.

Si parla della Federazione che gestisce il movimento con la sua organizzazione, delle Società Sportive affiliate, che sono la culla dove nascono e crescono tutti i vari possibili campioni, ma poi c’è anche una categoria di cui si parla poco, riconducibile sempre ad alcune società, che è quella di coloro che organizzano sul territorio nazionale i meeting, gli eventi dove tutto il sacrificio e la passione dell’atleta si traduce in prestazione.

L‘organizzazione di un evento di Atletica Leggera è un impegno notevole, specie se a livello internazionale, che richiede competenza, pazienza e quella stessa passione che contraddistingue l’atleta stessa, per cui chi meglio di un’ex atleta può essere in grado di organizzarne uno.

Elisabetta Artuso è una ex ottocento metrista, di buon livello, che non è mai riuscita a fare quel totale salto di eccellenza che sarebbe stato l’abbattimento del muro dei 2 minuti e la partecipazione ai principali eventi internazionali quali le Olimpiadi e Mondiali all’aperto, ma che ha vinto vari titoli italiani e fatto tante presenze in nazionale.

Da alcuni anni organizza, per conto della sua società l’Atletica Castiglionese, un bellissimo meeting, a Castiglione della Pescaia, che è molto cresciuto nel ranking della ex IAAF, ora World Athletics, diventando uno dei primi meeting, come punteggio, in Italia.

Quest’anno, il 25 maggio, sarebbe stata la decima edizione e la Artuso era da mesi impegnata per realizzare la più bella di sempre, nell’anno di due fondamentali eventi per l’atletica quali le Olimpiadi e gli Europei di Parigi.

L’emergenza Covid-19 ha, purtroppo, frenato il suo sforzo e il meeting è stato sospeso senza alcuna certezza di trovare un’altra data, quest’anno, anche se credo e auspico che la ripresa dell’attività agonistica possa iniziare proprio dallo spostamento e dal sostegno a manifestazioni come questa.

Avevo, in programma, oltre un mese fa, di organizzare un’intervista con lei perché mi potesse raccontare di cosa stava preparando, e mi riservo di farla, appena possibile, pubblicando per ora, con grande piacere, un video che mi ha mandato per raccontarci un po’ della sua passione e della sua voglia di ricominciare.

Il video messaggio di Elisabetta

Fastweb Fibra