Reekie-Muir (foto world athletics)
Reekie-Muir (foto world athletics)
FASTWEB

Laura Muir e Jemma Reekie sono tra le candidate al premio di miglior atleta dell’anno di Scottish Athletics.

Nonostante la concorrenza limitata nel 2020, gli atleti scozzesi in isolamento sono riusciti a ottenere grandi risultati in pista.

In questa stagione la Muir è risultata la donna più veloce al mondo sui 1500 metri e ha stabilito un nuovo record nel Regno Unito sui 1.000 metri di 2:30.82.

La Reekie ha perso solo una gara sugli 800 metri in tutto l’anno ed è quinta nella lista dei tempi più veloci, un posto sopra alla Muir.

Jake Wightman ha battuto il suo record scozzese nella sua unica gara sui 1500 metri per entrare nella rosa dei candidati, insieme al compagno di mezzofondo Josh Kerr, che ha ottenuto tre vittorie negli Stati Uniti.

Callum Hawkins ha stabilito un nuovo record scozzese sui 10 km a gennaio, mentre Steph Twell ha stabilito un nuovo record scozzese nella maratona di Francoforte alla fine di ottobre 2019.

Eilish McColgan ha vinto il Great South 10-miler e in dicembre ha stabilito il secondo miglior tempo scozzese sui 10 km.

Joasia Zakrzewski è invece riconosciuta per una corsa su pista di 24 ore di 236,561 km, che è un record scozzese.

“Di solito ce ne sono così tanti tra cui scegliere e in realtà non è diverso questa volta nonostante le circostanze speciali del 2020”, ha detto Stephen Maguire, direttore delle prestazioni e dell’allenatore.

“C’erano limitate opportunità in alcune discipline e, in atletica leggera, è stato più difficile per gli eventi tecnici tornare o per le riunioni essere disponibili.

“Non c’è assolutamente alcun dubbio che i nostri atleti dwl mwzzofondo abbiano ancora una volta ‘sfondato'”.

Andy Young, che allena sia Muir che Reekie, e Geoff Wightman, padre di Jake, sono in lizza per il premio di allenatore dell’anno.

I vincitori saranno annunciati sabato tramite una cerimonia sul canale YouTube di Scottish Athletics.

Fastweb Fibra