Femke Bol batte il record olandese sui 400 metri con 50”37

Nella First League di Cluj

FASTWEB

La città romena di Cluj Napoca ha ospitato la First League del Campionato Europeo per nazioni che ha decretato la promozione della Repubblica Ceca e della Bielorussia nella prossima edizione della Super League nel 2013.

Grazie a due successi nel corso della seconda giornata e undici piazzamenti tra i primi due la Repubblica Ceca ha conquistato il primo posto nella classifica generale della First League di Cluj con 320,5 punti davanti alla Bielorussia (315) e all’Olanda (300).

L’olandese Femke Bol ha realizzato il miglior risultato tecnico a livello individuale della due giorni di First League vincendo i 400 metri femminili in 50”37 (suo decimo record olandese in questa stagione).

La ventunenne olandese è stata una delle grandi protagoniste dell’ultima edizione del Golden Gala a Firenze con il successo sui 400 ostacoli in 53”44. Bol ha battuto il primato dei Campionati Europei per nazioni detenuto dalla britannica Perri Shakes Drayton con 50”50 dal 2013.

L’Olanda ha concluso la prima giornata in testa alla classifica generale grazie al doppio successo nelle due staffette 4×100. In campo femminile Naomi Sedney ha guidato le olandesi al successo in 43”48 davanti al quartetto svizzero (43”73). Churandy Martina ha respinto la rimonta del turco Ramyl Gulyev portando il team oranje al successo in 38”81.

Il campione europeo indoor e outdoor del salto in lungo Miltiadis Tentoglou ha aperto la gara con un salto da 8.27m, che sarebbe stato sufficiente per vincere la gara. L’atleta greco ha migliorato di due centimetri il primato della manifestazione detenuto da Alexander Menkov con un salto da 8.38m realizzato al terzo tentativo.

Tentoglou è stato l’unico a superare la barriera degli 8 metri. Il ceco Radek Juska si è piazzato al secondo posto con 7.95m precedendo di un centimetro lo svedese Thobias Montler.

La finlandese Senni Salminen ha stabilito la migliore prestazione europea dell’anno e il primato nazionale nel salto triplo femminile con 14.63m precedendo di quasi mezzo metro l’ex campionessa europea under 20 Violetta Skvartsova della Bielorussia.

La campionessa europea dei 100 ostacoli Elvira Herman della Bielorussia ha dominato i 100 ostacoli in 12”62 stabilendo il primato della manifestazione e il record personale.

Il team bielorusso ha vinto anche con Vitali Parakhonka sui 110 ostacoli con 13”50 e Maksim Natsiarenka nel salto triplo maschile con 16.65m, la staffetta 4×400 femminile con 3’28”14 davanti alla Svizzera (3’28”77) e alla Repubblica Ceca (3’30”51).

La campionessa europea indoor Angelica Moser della Svizzera ha vinto il salto con l’asta femminile con l’ultimo tentativo a sua disposizione a 4.65m dopo aver commesso due errori a 4.60m. La greca Eleni Klaoudia Polak si è piazzata seconda con 4.60m.

La Svizzera è salita al quarto posto nella classifica generale nella seconda giornata grazie alla vittoria di Salome Lang nel salto in alto con 1.96m, record nazionale e minimo per le Olimpiadi.

La romena Daniela Stanciu si è classificata al secondo posto con 1.92m.

Il ceco Jan Jirka ha vinto i 200 metri maschili in 20”82 battendo l’olandese Churandy Martina (21”03). La staffetta 4×400 ceca con il tre volte campione mondiale ed europeo indoor Pavel Maslak ha concluso il programma delle gare con un successo in 3’02”42 (migliore prestazione europea dell’anno) davanti all’Olanda (3’02”49).

La Second League disputata a Stara Zagora in Bulgaria ha fatto registrare la promozione dell’Ungheria, che ha vinto la classifica finale con 255 punti.

I migliori risultati sono stati il successo del giovane sloveno Kristian Ceh nel lancio del disco maschile con 66.55m davanti a Andrius Gudzius (63.90m) e la vittoria del lituano Edis Matusevicius nel giavellotto maschile con 83.00m.

Sport OK Junior