Daniele Groos (foto Grana/FIDAL)
Daniele Groos (foto Grana/FIDAL)
FASTWEB

Il nostro omaggio al quindicenne romano, dal cognome tedesco, Daniele Groos vincitore della prova dei 300 metri, con il personal best portato a 35″22, vuole essere un plauso totale e incondizionato a tutti i partecipanti e, in particolar modo, ai vincitori di tutti i titoli italiani cadetti assegnati nei due giorni di gare a Forlì.

Daniele, peraltro, è stato bravo a migliorarsi ancora, pur ad autunno inoltrato, con un crono che supera di 4 centesimi il suo precedente primato ottenuto 15 giorni fa e che lo pone, ancor più saldamente, al quarto posto di sempre tra gli under 16 su questa distanza.

Mi piaceva correre da piccolo e non ho più smesso” queste le sue poche ma genuine parole dopo il successo.

Tra le cadette, sempre nei 300 metri, Francesca Grisenti si conferma la migliore quest’anno e conquista il titolo in 40″87. L’atleta che proviene dalla danza è stata portata all’atletica su consiglio del fratello che già la praticava.

Interessante anche la storia agonistica di Dalila Rocchio che aveva iniziato la sua attività nella marcia, praticata sino all’anno scorso e poi è passata alla velocità sia pur tecnica, vincendo oggi il titolo italiano dei 300H con il crono do 45″73, suo personale.

Da notare, nella stessa gara, il secondo posto di Greta Donato, figlia del grande Fabrizio che chiude in 46″23 davanti a Margherita Traversa Young con 46″73.

Tra i ragazzi, invece, il titolo di questa specialità va a un altro romano, Andrea Accettella, che finisce in 39″39 davanti a Nicolò Corradi e ad Alessandro Capelli.

Tra gli altri tantissimi risultati che vi invitiamo a visionare, se di vostro interesse, tramite il link sotto, da segnalare nel giavellotto la vittoria del salernitano Antonio Cannalonga che vince con 61,93 al quinto lancio.

Tutti i risultati gara per gara

Fastweb Fibra