The most consistent athlete della Diamond League 2021

L'ennesimo premio assegnato per l'anno agonistico appena trascorso

FASTWEB

Wanda Diamond League ha premiato i dieci atleti, che si sono distinti per la loro regolarità di rendimento durante la stagione 2021 del circuito dei diamanti.

Mentre 32 campioni sono stati incoronati come campioni della Diamond League per aver vinto le finali di Zurigo dello scorso settembre, il premio di “Most Consistent Athlete” è un riconoscimento per gli atleti che hanno gareggiato con maggiore frequenza ai massimi livelli da Maggio a Settembre in cinque diverse categorie (velocità, mezzofondo, ostacoli, salti e lanci). Ciascuno dei dieci vincitori riceverà un assegno da 20000 dollari.

I vincitori sono stati decisi in base ad un sistema di punteggio che confronta le prestazioni tra le specialità.

Lanci maschili: Ryan Crouser

Poco dopo il secondo titolo olimpico nel getto del peso a Tokyo Ryan Crouser ha vinto il primo titolo della Diamond League della sua carriera grazie al successo nella finale disputata in Sechselautenplatz a Zurigo con il primato del meeting di 22.67m. Il primatista del mondo ha vinto altre due gare di Diamond League nel 2021 a Eugene (23.15m) e Losanna (22.81m) stabilendo il primato del meeting in entrambe le occasioni. Nel caso di Eugene si tratta del record della Diamond League.

Lanci femminili: Sandra Perkovic

La due volte campionessa olimpica del lancio del disco Sandra Perkovic non ha vinto il titolo della Diamond League dopo aver conquistato sei trofei dei diamanti consecutivi dal 2012 al 2017 ma è stata la lanciatrice più regolare nel rendimento durante l’arco della stagione e ha vinto due gare a Firenze con 68.31m e a Parigi con 66.08m.

Salti femminili: Yulimar Rojas

La triplista venezuelana Yulimar Rojas ha avuto la migliore stagione della sua carriera nel 2021 e ha stabilito il record del mondo con 15.67m nel corso della finale olimpica di Tokyo. L’allieva di Ivan Pedroso ha vinto il primo trofeo dei diamanti a Zurigo con 15.48m ed è stata di gran lunga l’atleta più regolare durante l’arco di tutta la stagione superando i 15 metri altre volte a Doha (15.15m), a Montecarlo (15.12) e a Losanna (15.56m ventoso e 15.52m regolare, record della Diamond League).

Yulimar Rojas (foto Colombo/FIDAL)
Yulimar Rojas (foto Colombo/FIDAL)

Salti maschili: Armand Duplantis

La stella del salto con l’asta Armand Duplantis non ha migliorato il record personale nel 2021, ma ha vinto l’oro olimpico a Tokyo con 6.02m e il suo primo trofeo dei diamanti con 6.06m a Zurigo. Ha tentato più volte di battere il record del mondo e ha vinto cinque gare su sei superando in tutte le occasioni il primato del meeting (Oslo 6.01m, Stoccolma 6.02m, Parigi 6.01, Bruxelles 6.05m e Zurigo 6.06m).

Ostacoli maschili: Karsten Warholm

Il norvegese ha vinto il suo primo titolo olimpico sui 400 ostacoli stabilendo il record del mondo con 45”94. Ha scritto la storia della specialità quando ha tolto il record del mondo a Kevin Young con 46”70 ai Bislett Games di Oslo. E’ il settimo atleta in grado di battere il primato del mondo in una gara di Diamond League. Con le vittorie a Montecarlo in 47”08 (primato del meeting) e nella finale di Zurigo in 47”35 ha vinto il secondo trofeo dei diamanti consecutivo diventando l’ostacolista più consistente del circuito.

Ostacoli femminili: Femke Bol

Dopo essere salita sulla ribalta internazionale nel 2020 l’olandese Femke Bol è stata l’ostacolista più regolare nell’arco della stagione 2021 vincendo tutte le sei gare disputate a Firenze (53”44), Oslo (53”33), Stoccolma (52”37 record della Diamond League), Gateshead (53”24), Losanna (53”05) e Zurigo (52”80 record del meeting).

Mezzofondo femminile: Faith Kipyegon

La fuoriclasse keniana ha coronato una splendida stagione con la vittoria nella finale della Diamond League a Zurigo in 3’58”33. Ha vinto il primo Diamond Trophy da quando è diventata mamma nel 2018. E’ stata la più consistente durante tutta la stagione vincendo a Doha sugli 800m in 1’58”28, a Eugene in 3’53”91, a Montecarlo in 3’51”07 (record keniano e quarto miglior crono di sempre) e si è classificata seconda a Firenze in 3’53”91 dopo un duello straordinario con Sifan Hassan

Faith Kipyegon (foto Colombo/FIDAL)
Faith Kipyegon (foto Colombo/FIDAL)

Mezzofondo maschile: Timothy Cheruiyot

Timothy Cheruiyot è stato battuto da Jakob Ingebrigtsen nella finale olimpica di Tokyo ma ha dominato le gare della Diamond League vincendo a Doha in 3’30”48, a Stoccolma in 3’32”30, a Montecarlo in 3’28”28 (settimo miglior tempo di sempre) e a Zurigo (3’31”37). Nella sua carriera il keniano ha conquistato quattro trofei dei diamanti.

Sprint maschile: Kenneth Bednarek

Lo sprinter statunitense Kenneth Bednarek non aveva mai vinto una gara di Diamond League prima di questa stagione ma quest’anno è salito sulla ribalta vincendo quattro competizioni a Gateshead (20”33), Doha (19”88), Losanna (19”65 ventoso) e Zurigo (19”70). E’ stato il velocista più consistente correndo 13 volte sotto i 20 secondi.

Sprint femminile: Elaine Thompson Herah

Il 2021 è stato un anno da ricordare per Elaine Thompson Herah che ha firmato la doppietta sui 100 e sui 200 metri alle Olimpiadi di Tokyo e ha rivinto il Trofeo dei Diamanti sui 100 metri dopo quattro anni. Il 10”54 realizzato sui 100 metri a Eugene (secondo miglior crono di sempre) è stato uno dei tre primati del meeting che hanno permesso alla giamaicana di vincere il terzo titolo della Diamond League della sua carriera dopo i successi nel 2016 e nel 2017.

Nelle altre gare l’atleta dell’anno di World Athletics ha vinto anche a Parigi in 10”72 e a Zurigo in 10”65 e si è classificata seconda a Losanna in 10”64 dietro alla connazionale Shelly Ann Fraser Pryce.

Elaine Thompson-Herah (foto Colombo/FIDAL)
Elaine Thompson-Herah (foto Colombo/FIDAL)
Sport OK Junior