Stasera Crippa al meeting internazionale di Nembro

Andrew Howe salta a Rieti per una delle ultime possibilità olimpiche

FASTWEB

Due interessanti riunioni di atletica si svolgeranno oggi in Italia, con i riflettori particolarmente accesi sulla bella pista di Nembro, in provincia di Bergamo, dove si svolgerà il 24esimo Meeting Internazionale che torna dopo la sospensione dell’anno scorso, causata dal Covid-19.

La società organizzatrice, l’Atletica Saletti, ha messo in piedi un’edizione molto ricca di contenuti tecnici, con la prestigiosa presenza del pluriprimatista italiano, dei 10000, 5000 e 3000 metri, Yeman Crippa, il quale si cimenterà proprio su quest’ultima distanza prevista alla chiusura di tutte le gare, verso le ore 21.

Yeman, il cui record su tale disciplina è 7’38″27 corso al Golden Gala 2020, si troverà contro alcuni mezzofondisti azzurri in buona condizione quali il tricolore indoor Pietro Arese e Pietro Riva, entrambi alla ricerca dei loro personali,

La gara più emozionante della serata sarà, però, quella dei 3000 metri femminili con la presenza della beniamina di casa, abita a circa 2 chilometri dal campo, Marta Zenoni che, dopo un periodo post covid un po’ complicato, sta tornando a degli ottimi livelli e, gara dopo gara, la sua condizione è in grande crescita.

Per Marta, recente vincitrice di due titoli italiani promesse a Grosseto, avversaria di livello sarà la keniana Carolin Makandi Gitonga, vincitrice nel meeting del 2019, con altre due azzurre, Micol Majori e Martina Tozzi, che cercheranno di esprimersi al meglio.

Marta Zenoni (foto Grana/FIDAL)
Marta Zenoni (foto Grana/FIDAL)

I 1500 metri maschili conteranno sulla presenza di Joao Bussotti e Yassin Bouih, freschi di miglioramento in Francia sulla distanza, ma anche su Mohad Abdikadar, Mohamed Zerrad, David Nikolli ed Enrico Riccobon con una lepre, quale Giovanni Filippi, che proverà a portare gli atleti su un passaggio richiesto di 2’25 ai 1000 per puntare a 3’37.

800 metri maschili con numerosi azzurri in un contesto che coinvolgerà anche alcuni stranieri di buon livello come l’irlandese Roland Surlis e lo sloveno Jan Vukovic, 1’46″74 e 1’47″02 quest’anno.

Simone Barontini, appena sceso a 1’46″63 a Sollentuna, e in piena lotta per una conquista di un posto nelle classifiche di World Athletics che assegnano i posti per le Olimpiadi, non ha ancora deciso se partecipare alla gara che vedrà impegnati anche  Catalin Tecuceanu, Gabriele Aquaro, Abdelhakim Elliasmine.

Nella gara femminile degli 800, annunciate Irene Baldessari ed Eloisa Coiro che torna a cimentarsi sul doppio giro di pista dopo i 400 di Grosseto, ma anche la campionessa italiana promesse Laura Pellicoro oltre a Serena Troiani.

Nei 400 femminili subito in gara, dopo l’ottima impressione degli italiani promesse, Anna Polinari che, reduce dal bel crono di 52″66 realizzato per la conquista del titolo, si misurerà con Raphaela Lukudo, ma pure con le gemelle Virginia e Alexandra Troiani.

Nei 400 maschili è da rilevare la presenza del vicecampione del mondo degli 800 Amel Tuka, in gara con Giuseppe Leonardi e Michele Tricca.

Nei 100 maschili ci sarà il prestigioso nome del sudafricano Thando Dlodlo, 10″08 di personale, opposto tra gli altri ad Andrea Federici, Roberto Rigali, Giovanni Galbieri e Nicholas Artuso.

Nella prova femminile dei 100 piani è annunciata una protagonista della staffetta 4×100 primatista italiana, Johanelis Herrera con anche Alessia Pavese e Chiara Melon.

Tra le barriere dei 100 ostacoli di nuovo in pista la tricolore promesse (con 13″34) Giulia Guarriello.

Nel disco donne occasione per verificare la propria condizione per Daisy Osakue, attualmente qualificata per i giochi olimpici, che se la vedrà con Stefania Strumillo, Valentina Aniballi, Diletta Fortuna e Natalina Capoferri.

Nell’asta femminile Sonia Malavisi, che lotta punto su punto nel ranking per ottenere la qualificazione olimpica, troverà l’emergente Elisa Molinarolo mentre nel giavellotto, su una pedana molto performante, da segnalare il duello tra Mauro Fraresso e Roberto Orlando.

Nel lungo donne, infine, ci saranno Elisa Naldi ed Eleonora Filippetto opposte alla tedesca Alexandra Wester che vanta un personale di 6,79.

Sonia Malavisi (foto GMarastoni)
Sonia Malavisi (foto GMarastoni)

Gli iscritti di Nembro

L’orario di Nembro

Nel pomeriggio di oggi anche un bel meeting nazionale allo stadio Guidobaldi di Rieti, per un’altra tappa del Trofeo Perseo.

Il principale protagonista della manifestazione sarà certamente il primatista italiano del salto in lungo, Andrew Howe, atleta di casa che avrà una delle ultime occasioni per tentare quella che ormai è una missione un po’ complicata, ottenere il minimo di partecipazione ai giochi olimpici fissato in 8,22 metri.

Andrew aveva iniziato bene la stagione all’aperto con un buon salto a 8,03 sia pur ventoso, ma dimostrando di avere una condizione in crescita e, infatti, era atteso al meeting di Savona del 13 maggio con grande interesse ma, purtroppo, qualcosa non ha funzionato e non ha più gareggiato da allora.

La sua classe infinita però potrebbe riservare qualsiasi tipo di sorpresa e, ovviamente, tutti gli appassionati di atletica lo seguono sempre con enorme affetto.

Sulla pedana del triplo femminile ci sarà, invece, la campionessa italiana Dariya Derkach, mentre nell’alto gareggia Erika Furlani che proprio a Rieti ha saltato 1,94 nella scorsa stagione.

Asta maschile per Alessandro Sinno, martello per Simone Falloni, peso per la capitana azzurra Chiara Rosa.

Andrew Howe (foto Grillotti/FIDAL Lazio)
Andrew Howe (foto Grillotti/FIDAL Lazio)

Gli iscritti di Rieti

Gli orari di Rieti

Sport OK Junior