Le prospettive degli azzurri: le corse di mezzofondo

8 tra atleti e atlete impegnati in 6 gare

FASTWEB

Saranno 4 uomini e 4 donne a rappresentare l’Italia, nelle gare di mezzofondo del programma olimpico di Atletica che inizierà venerdì 30 luglio, alle ore 2,00 italiane le 9,00 giapponesi, con le batterie dei 3000 siepi maschili che vedranno impegnati ben tre azzurri: Ahmed Abdelwahed, Osama e Ala Zoghlami.

Il personaggio copertina di questo settore, in ogni caso, è certamente il pluriprimatista italiano Yeman Crippa che gareggerà sia sui 10000 nella finale diretta di dopodomani, che sui 5000.

Certamente non semplice quel che attende il fortissimo atleta azzurro specie a guardare le due graduatorie mondiali dell’anno, in una delle quali Yeman non c’è proprio, non avendo mai corso nel 2021 la più lunga delle due distanze.

Il punto è che, insieme ai 100 metri, queste due specialità del mezzofondo sono le più praticate di tutto il panorama mondiale con la ovvia conseguenza di una enorme concorrenza che arriva specialmente dai paesi africani, ma non solo, se si pensa che il leader stagionale dei 10000 è il norvegese Jakob Ingebrigtsen.

Difficile, quindi, fare delle previsioni, o anche avere delle particolari aspettative dal talento azzurro che cercherà, sicuramente, di avvicinare il più possibile i suoi personali, che sono anche i record nazionali, di ottenere la finale dei 5000 che prevedono due turni, per poi provare ad ottenere il miglior piazzamento possibile nelle due sfide decisive.

Gli orari dei 5000 metri maschili

Martedì 3 agosto: ore 13,00 italiane (batteria)
Venerdì 6 agosto: ore 14,00 italiane (finale)

Gli orari dei 10000 metri maschili

Venerdì 30 luglio: ore 13,30 italiane (finale)
Yeman Crippa (foto Colombo/FIDAL)
Yeman Crippa (foto Colombo/FIDAL)

Tornando ai 3000 siepi, invece, e guardando le graduatorie mondiali stagionali, si può facilmente prevedere come sia che Ahmed Abdelwahed che Osama Zoghlami abbiano enormi possibilità di accedere alla finale dove poi, non essendoci proprio un favorito assoluto, potrebbero anche giocarsi le loro carte per un ottimo piazzamento, con particolare attenzione proprio su Ahmed, se sarà ancora nella eccellente condizione mostrata sia al Golden Gala Pietro Mennea, che nella gara sempre di Diamond League a Montecarlo.

Anche Ala, l’altro gemello Zoghlami, specie se nella forma mostrata a Rovereto nel corso degli assoluti, quando ha ottenuto il minimo olimpico, potrebbe aspirare alla finale per una fantastica tripletta azzurra.

Gli orari dei 3000 siepi maschili

Venerdì 30 luglio: ore 2 italiane (batteria)
Lunedì 2 agosto: ore 14,15 italiane (finale)
Ahmed Abdelwahed (foto Grana FIDAL)
Ahmed Abdelwahed (foto Grana FIDAL)

Per quanto riguarda le gare femminili, abbiamo tre azzurre impegnate nel mezzofondo veloce, contrariamente ai maschi che non hanno nessun rappresentante: Elena Bellò che correrà gli 800 metri mentre Gaia Sabbatini e Federica Del Buono difenderanno il tricolore nei 1500.

Le tre atlete hanno raggiunto il sogno olimpico grazie al punteggio del ranking mondiale, compiendo realmente una grande impresa in quanto, all’inizio della stagione, non era facilmente pronosticabile questo prestigioso traguardo e ora appare complicato, sempre guardando le graduatorie dell’anno, ipotizzare il superamento anche di uno solo dei tre turni previsti.

Bisognerà, però, certamente vedere come saranno le composizioni delle batterie e i ritmi delle varie gare, ipotizzando che si correrà in ogni caso forte e che non vi saranno troppi tatticismi, per cui le nostre atlete dovranno cercare di superare i propri personali o quantomeno avvicinarli di molto, fermo restando che alla fine conterà molto il sangue freddo e la determinazione nei finali convulsi di gara.

Gli orari degli 800 metri femminili

Venerdì 30 luglio: ore 2,55 italiane (batteria)
Sabato 31 luglio: ore 13,50 italiane (finale)
Martedì 3 agosto: ore 14,25 italiane (finale)

Gli orari dei 1500 metri femminili

Lunedì 2 agosto: ore 2,35 italiane (batteria)
Mercoledì 4 agosto: ore 12,00 italiane (finale)
Venerdì 6 agosto: ore 14,50 italiane (finale)
Gaia Sabbatini-Elena Bellò (foto Grana/FIDAL)
Gaia Sabbatini-Elena Bellò (foto Grana/FIDAL)

Per chiudere, interesse, curiosità ma anche grande speranza dalla prova dei 5000 femminili dove sarà impegnata la 21enne Nadia Battocletti, straordinaria atleta dotata di un talento eccezionale che coniuga con una dedizione e determinazione fuori dal comune.

Guardando le graduatorie dell’anno, Nadia, che quest’anno è scesa sotto i 15 minuti, ha un accredito intorno alla 25esima posizione che non le consentirebbe l’accesso alla finale che vedrà al via 15 atlete.

La ragazza di Cles, però, è in grandissima condizione e ha dimostrato anche nei 1500 vinti agli assoluti di Rovereto di essere in possesso di un ottimo spunto finale che potrebbe esserle molto utile nella batteria olimpica.

Siamo quindi convinti che l’azzurra abbia grandi possibilità di centrare la prova conclusiva dove, poi, cercherà di stare più attaccata possibile ai fenomeni presenti per tentare magari di attaccare il record italiano assoluto.

Gli orari dei 5000 metri femminili

Venerdì 30 luglio: ore 12,00 italiane (batteria)
Lunedì 2 agosto: ore 14,50 italiane (finale)
Nadia Battocletti (foto Colombo/FIDAL)
Nadia Battocletti (foto Colombo/FIDAL)
Sport OK Junior