Jacobs e Duplantis stelle a Berlino

Show dell’atletica con il meeting ISTAF Indoor

FASTWEB

Berlino è pronta a celebrare l’annuale festa dell’atletica con il tradizionale ISTAF Indoor. Non sarà soltanto un meeting di atletica ma un vero show con luci, musica da discoteca e presentazioni degli atleti in stile basket NBA.

Gli atleti più attesi sono i tre campioni olimpici Armand Mondo Duplantis, Marcell Jacobs e Malaika Mihambo.

Il teatro del meeting ISTAF Indoor sarà la Mercedes Benz Arena, che ospita anche le partite del club locale di basket Alba Berlino in Eurolega e degli Eisbaeren Berlino di hockey su ghiaccio e numerosi concerti. Non mancherà la mascotte Berlino, diventata celebre durante i Mondiali del 2009 e gli Europei 2018.

Berlino è il primo dei due meeting ISTAF indoor e sarà seguito dalla seconda tappa di Dusseldorf in programma il 20 Febbraio. I due meeting tedeschi fanno parte del circuito World Athletics Indoor Tour Silver.

Naturalmente gli occhi di tutti i tifosi italiano saranno puntati sull’esordio stagionale del campione olimpico dei 100 e della staffetta 4×100, Marcell Jacobs, che sulla pista blu della Mercedes Benz Arena di Berlino gareggiò anche lo scorso anno all’inizio della sua stagione magica.

Lo sprinter di Desenzano arriva nella capitale tedesca molto carico dopo un periodo di intensi allenamenti a Tenerife insieme al coach Paolo Camossi.

Jacobs è diventato il successore di Usain Bolt nell’albo d’oro delle Olimpiadi. Il giamaicano riscrisse la storia dell’atletica realizzando il primato del mondo sui 100 metri proprio ai Campionati del Mondo di Berlino nel 2009 con 9”58.

Anche Jacobs ha un buon ricordo di Berlino per aver gareggiato sia nell meeting ISTAF indoor sia nella sua versione outdoor sulla pista dell’Olympiastadion. Nell’edizione dell’anno scorso del meeting indoor berlinese Marcell corse la batteria in 6”56 prima di classificarsi secondo in 6”55 dietro all’ivoriano Arthur Cissé nella finale. Nelle settimane successive Jacobs trionfò agli Europei Indoor di Torun stabilendo il record italiano con 6”47, preludio della vittoria olimpica a Tokyo sui 100 metri con il primato europeo di 9”80.

Quest’anno Jacobs sarà chiamato ancora ad un doppio impegno con le batterie (ore 18.15) e la finale (ore 19.35) e rinnoverà la sfida con Cissé. L’ivoriano e l’azzurro hanno già gareggiato insieme più volte anche su suolo italiano in occasione del meeting di Savona. Cissé si è espresso tante volte a grandi livelli proprio in terra tedesca realizzando i primati personali con 6”53 sui 60 metri a Berlino e sui 100 metri con 9”93 a Leverkusen. Lo sprinter africano vanta una vittoria nella staffetta 4×100 agli All-African Games di Brazzaville in 38”93 nel 2015 e un secondo posto sui 100 metri in 9”97 nella stessa rassegna continentale quattro anni dopo a Rabat.

Gli avversari più quotati in ambito europeo sono il francese Jimmy Vicaut, che vinse il titolo continentale indoor sui 60 metri a Goteborg 2013 con un personale di 6”48 e deteneva il record continentale sui 100 metri con 9”86 prima del doppio primato di Jacobs nella semifinale e nella finale delle Olimpiadi di Tokyo, e il giovane tedesco Kevin Kranz, vice campione europeo indoor a Torun. Kranz vanta un record personale di 6”52 realizzato ai Campionati tedeschi di Dortmund dello scorso anno e ha già esordito in questa stagione correndo in 6”59 a Chemnitz.

Gli altri nomi da seguire sono il nigeriano Enoch Adegoke, finalista alle Olimpiadi di Tokyo sui 100 metri dopo aver corso la batteria in 9”98, i tedeschi Deniz Almas, campione tedesco sui 60 metri indoor in 6”60 e sui 100 metri outdoor in 10”09 e medaglia d’oro agli Europei Under 23 di Gavle nel 2019, Marvin Schulte (campione tedesco outdoor nel 2021 sui 100 metri e terzo ai Mondiali Under 20 di Tampere con la staffetta 4×100), Lucas Ansah Peprah (sesto nella finale olimpica della staffetta 4×100 in 38”12) e Alexandar Askovic (6”63 di personale), il polacco Przemyslaw Slowikowski, campione nazionale nel 2021.

Marcell Jacobs: “Non vedo l’ora di tornare a gareggiare, sono contentissimo. Ho scelto Berlino per la prima gara dell’anno come ho fatto anche nel 2021. Proviamo a ripercorrere le tappe della scorsa stagione. E’ meglio gareggiare nella batteria e nella finale. Nella prima gara della stagione bisogna togliere la ruggine.

Sono passati sei mesi da Agosto. C’è da gareggiare il più possibile per tornare alla massima forma. Per questo farò quattro gare in Febbraio, sulla strada che porterà ai Mondiali Indoor di Belgrado: dopo Berlino, sarò l’11 a Lodz, il 17 a Liévin e il 26-27 ai Campionati Italiani Indoor di Ancona”.

Salto con l’asta maschile: Duplantis torna a Berlino

Armand “Mondo” Duplantis, primatista mondiale e campione olimpico del salto con l’asta, torna nella capitale tedesca dove vinse il primo grande titolo internazionale della sua carriera a livello assoluto all’Olympia Stadion nel 2018 quando realizzò il primato mondiale under 20 con 6.05m battendo il russo Timur Morgunov e Renaud Lavillenie.

Duplantis ha vinto l’edizione 2019 del meeting ISTAF outdoor all’Olympiastadion superando la misura di 5.80m e l’ISTAF Indoor di Dusseldorf con 6.01m nel 2021.

Lo svedese ha aperto la stagione indoor 2022 vincendo nella prima tappa del World Indoor Tour Gold a Karlsruhe con 6.02m, la stessa misura che gli ha permesso di conquistare la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo.

Nella città del Baden Wurttenberg Duplantis ha mancato di poco il primato del mondo alla quota di 6.19m, un centimetro in più rispetto al 6.18m realizzato a Glasgow nel 2020. Il primato del meeting è detenuto da Renaud Lavillenie con 6.02m dal 2015.

Armand Duplantis: “Ho un grande ricordo dello Stadio Olimpico di Berlino, sia degli Europei sia del Meeting ISTAF outdoor. Non vedo l’ora di gareggiare per la prima volta all’ISTAF Indoor di Berlino. Ho sentito parlare molto bene di questo meeting e spero di vedere tanti fans. E’ arrivato il momento per battere il primato del mondo in Germania”.

Armand Duplantis (foto Colombo/FIDAL)

I principali avversari di Duplantis saranno lo statunitense KC Lightfoot e il polacco Piotr Lisek, che vantano entrambi un primato personale di 6.00m. Lisek superò 5.90m nella finale degli Europei all’Olympiastadion dove si classificò al quarto posto. In carriera ha realizzato due record nazionali con 6.01m a Losanna e 6.02m a Montecarlo nel 2019, anno della medaglia di bronzo ai Mondiali di Doha con 5.89m.

Lightfoot ha superato per la prima volta i 6 metri e ha vinto il titolo NCAA Indoor nell’inverno 2021 prima di classificarsi quarto alle Olimpiadi di Tokyo con 5.80m. Il ventiduenne nativo di Lee’s Summit in Missouri ha aperto la stagione 2022 saltando 5.91m a Reno in Nevada e si è classificato secondo a Karlsruhe con 5.89m dietro a Duplantis. Prima di dedicarsi all’atletica si è dedicato anche al baseball e al bridge jumping.

Da seguire con attenzione anche Ernest John Obiena, che ha vinto l’edizione 2021 dell’ISTAF Indoor di Berlino con 5.80m e ha realizzato il primato nazionale outdoor delle Filippine al meeting della Diamond League di Parigi dello scorso Agosto.

I migliori tedeschi in gara saranno Oleg Zernikel, campione tedesco outdoor con 5.80m, quarto agli Europei Indoor con 5.70m e nono alle Olimpiadi di Tokyo 2021, Bo Kanda Lita Baehre, campione tedesco outdoor nel 2019 e nel 2020 e quarto ai Mondiali di Doha 2019 con 5.70m, e Torben Blech, vincitore ai Campionati tedeschi indoor nel 2021.

Il Meeting Director Martin Seeber: “Siamo molto felici e orgogliosi di poter dare il benvenuto a questo simpatico fuoriclasse dell’atletica all’ISTAF Indoor di Berlino. Questa città ha sempre portato molta fortuna a Duplantis”.

Salto in lungo femminile: debutto stagionale di Malaika Mihambo

Malaika Mihambo aveva programmato originariamente di gareggiare sui 60 metri a Berlino ma ha deciso alla vigilia di schierarsi nel salto in lungo, disciplina nella quale ha completato il “Grande Slam” vincendo le medaglie d’oro agli Europei di Berlino 2018, ai Mondiali di Doha 2019 con il primato personale di 7.30m e l’oro olimpico a Tokyo 2021 con un salto da 7.00m nell’ultimo tentativo.

Lo scorso anno ha vinto la medaglia d’argento agi Europei Indoor di Torun. Mihambo, che di recente ha vinto il premio di sportiva tedesca dell’anno per la terza stagione consecutiva, sfiderà la svedese di origini gambiane Khaddi Sagnia, medaglia di bronzo agli Europei Indoor di Torun e primatista nazionale con 6.92m, e la romena Alina Rotaru, sesta ai Mondiali di Doha.

Malaika Mihambo: “La preparazione sta andando molto bene. Per questo ho deciso insieme al mio allenatore Ulrich Knapp di gareggerò nel lungo. Salterò con la rincorsa completa. Dopo Berlino disputerò altre due gare di salto in lungo nell’ISTAF Indoor di Dusseldorf e ai Campionati tedeschi di Lipsia”.

Malaika Mihambo (foto Colombo/FIDAL)
Malaika Mihambo (foto Colombo/FIDAL)

60 metri femminili: Luckenkemper torna a correre indoor

Gina Luckenkemper torna a correre una gara indoor sui 60 metri per la prima volta negli ultimi tre anni. La velocista nativa di Dortmund ha vinto la medaglia d’argento sui 100 metri in 10”98 e il bronzo nella staffetta 4×100 agli Europei di Berlino nel 2018 all’Olympiastadion e gareggia per il club SCC Berlin.

La venticinquenne tedesca si allena attualmente con il tecnico statunitense Lance Brauman, che allena Noah Lyles e Shaunae Miller Uibo a Clermont in Florida.

Gina Luckenkemper: “Di solito i 60 metri sono una distanza molto breve per me, ma ho molta voglia di correre l’ISTAF Indoor”.

La principale avversaria di Luckenkemper è la britannica Darryl Neita, ottava nella finale dei 100 metri e medaglia di bronzo con la staffetta 4×100 alle Olimpiadi di Tokyo. Neita ha migliorato il record personale sui 100 metri correndo in 10”93 in occasione della finale della Diamond League di Zurigo e ha vinto l’ISTAF outdoor di Berlino in 11”04 nello scorso Settembre.

Tra le iscritte ci sarà anche l’azzurra Zaynab Dosso, che settimana scorsa ha migliorato il record personale sui 60 metri con un ottimo 7”29 sulla pista di Ancona. La velocista emiliana ha vinto due edizioni dei Campionati Italiani assoluti sui 100 metri a Bressanone nel 2019 e a Padova nel 2020.

Il cast è completato dalle velociste di casa Jennifer Montag, settima agli Europei Indoor di Torun 2021, Sophia Junk (campionessa europea e mondiale under 20 con la staffetta 4×100 nel 2017 e nel 2018), e dalla portoghese Lorène Bazolo, campionessa nazionale indoor nel 2021.

Zaynab Dosso (foto Grana/FIDAL)
Zaynab Dosso (foto Grana/FIDAL)

60 metri ostacoli femminili: Nelvis favorita

La statunitense Sharika Nelvis ha il miglior tempo tra le iscritte sui 60 ostacoli con l’eccellente 7”70 realizzato in occasione dei Campionati statunitensi indoor di Albuquerque nel 2018, poche settimane prima di classificarsi quarta ai Mondiali di Birmingham in 7”86.

Il tifo del pubblico di casa sarà per Cindy Roleder, campionessa europea indoor a Belgrado nel 2017 sui 60 ostacoli e doppia medaglia di bronzo sui 100 metri ostacoli agli Europei outdoor a Zurigo nel 2014 e a Berlino nel 2018.

Lotteranno per le prime posizioni la giamaicana Megan Tapper, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo sui 100 metri ostacoli in 12”55, la finlandese Nooralotta Neziri, l’olandese Zoé Sedney e l’ungherese Luca Kozak, rispettivamente quarta, settima e ottava agli Europei Indoor di Torun 2021, l’altra finlandese Reeta Hurske, quarta agli Europei Indoor di Glasgow 2019, e la belga Anne Zagré, quarta agli Europei di Zurigo.

Megan Tapper (foto Colombo/FIDAL)
Megan Tapper (foto Colombo/FIDAL)

60 metri ostacoli maschili: Manga guida la starting list

Il francese Aurel Manga guida la starting list con il primato personale di 7”53. In carriera l’ostacolista transalpino ha vinto due medaglie di bronzo sui 60 ostacoli ai Mondiali Indoor di Birmingham 2018 e agli Europei Indoor di Glasgow 2019.

Gli altri protagonisti più importanti in gara sono il tedesco Gregor Traber, campione nazionale indoor nel 2019 e nel 2020, il belga Michael Obasuyi, secondo agli Europei Under 23 sui 110 ostacoli nel 2021, e l’olandese Koen Smet, campione nazionale indoor sui 100 ostacoli.

Il meeting di Berlino sarà la prima tappa del mini circuito valevole per la seconda edizione del Trofeo ISTAF. Gli atleti che gareggiano nei due meeting ISTAF Indoor di Berlino e Dusseldorf (20 Febbraio) e nell’ISTAF outdoor all’Olympiastadion di Berlino (4 Settembre) raccoglieranno punti per la classifica nelle specialità dello sprint, degli ostacoli, del salto in lungo e del salto con l’asta.

Ciascun vincitore conquisterà 8 punti, mentre i secondi classificati raccoglieranno 5 punti e così via a scalare fino al sesto classificato, che otterrà un punto e i sei vincitori si divideranno un assegno di 30000 Euro

Siamo eccitati di poter festeggiare un grande evento con campioni straordinari. Siamo lieti di poter dare di nuovo il benvenuto ai nostri fans anche in questo periodo difficile. Anche se non potremo ospitare 12500 spettatori come in passato, sono sicuro che il pubblico creerà l’atmosfera magica del meeting ISTAF e questo spingerà gli atleti a realizzare grandi prestazioni.

Il numero di spettatori sarà limitato a causa delle restrizioni anti-covid ma i fans dell’atletica potranno godersi i due meeting ISTAF di Berlino e Dusseldorf sul canale sportivo gratuito Sport 1 e in streaming sul sito internet Sport 1.de. Il meeting sarà trasmesso in più di 80 paesi nel mondo”, ha affermato in un comunicato stampa Martin Seeber.

Il programma del meeting di Berlino

Sport OK Junior